Quando installare un router può costare 150.000 euro

Un recente decreto legislativo impone l'obbligo di rivolgersi a personale qualificato. Per i trasgressori previste pesantissime sanzioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-12-2010]

router modem installazione sanzione 15000 euro

Nella Gazzetta Ufficiale n° 280 del 30 novembre 2010 è stato pubblicato il Decreto Legislativo in attuazione della direttiva 2008/63/CE relativa alla concorrenza sui mercati delle apparecchiature terminali di telecomunicazioni, con entrata in vigore del provvedimento sancita per il 15 dicembre 2010.

La nuova norma per l'allacciamento dei terminali alle interfacce di rete pubblica è pensata per regolamentare il mercato della concorrenza delle telecomunicazioni, ma nell'attuale formulazione lascia ampio spazio di applicazione a pesantissime sanzioni pecuniarie.

La novità introdotta dal provvedimento consiste nell'imporre l'obbligo di affidare i lavori di installazione, di allacciamento, di collaudo e di manutenzione delle apparecchiature terminali a imprese abilitate secondo modalità che verranno stabilite dal Ministro dello sviluppo economico entro dodici mesi dall'entrata in vigore del decreto.

Con apparecchiature terminali vengono genericamente definite "le apparecchiature allacciate direttamente o indirettamente all'interfaccia di una rete pubblica di telecomunicazioni per trasmettere, trattare o ricevere informazioni; in entrambi i casi di allacciamento, diretto o indiretto, esso puo' essere realizzato via cavo, fibra ottica o via elettromagnetica; un allacciamento e' indiretto se l'apparecchiatura e' interposta fra il terminale e l'interfaccia della rete pubblica".

E' lecito pensare che tale definizione comprenda apparecchi come i modem o i router, che nelle moderne case multimediali sono oggetti a cui non si può rinunciare, fosse anche semplicemente per condividere la connessione Internet fra più computer.

Nel decreto è già previsto il range per le sanzioni (amministrative) pecuniarie, che partono da un minimo di 15.000 euro fino a un massimo di 150.000 euro. Fortunatamente dette sanzioni sono applicabili esclusivamente agli installatori che rilascino attestazioni difformi dalla (futura) normativa vigente.

Il rischio concreto, almeno per gli utenti privati, consiste più nell'obbligo di doversi rivolgere a tecnici specializzati per l'installazione di apparecchiature domestiche che nell'incorrere in sanzioni per certificazioni mendaci.

E' infatti inverosimile che chi provvede autonomamente all'installazione e alla configurazione della propria rete, a lavoro ultimato si prenda la briga di produrre un'inutile autocertificazione di conformità a proprio uso e consumo.

Uno spiraglio interpretativo è comunque dato dal comma che sancisce la possibilità di provvedere autonomamente alle attività di installazione e allacciamento dei terminali di telecomunicazione in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione: non resta che attendere (fiduciosi) la successiva regolamentazione dettagliata delle normative specifiche del Ministro dello sviluppo economico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 42)

Contatterò Telecom.
20-12-2010 21:39

Giuste considerazioni da parte di entrambi. Però nessuno ha avuto aggiornamenti o nuove notizie sul succo della questione? :? Leggi tutto
20-12-2010 19:24

Stavo per rispondermi la stessa cosa... mi fa piacere di aver supposto correttamente. :D Sto migliorando eh? :oops: Leggi tutto
20-12-2010 17:45

dato che fare apparire sulla barra di stato un indirizzo diverso da quello reale richiede un minimo di lavoro in più (soprattutto adesso che certe falle molto semplici da sfruttare sono state tappate) allora spesso neanche si sforzano. Tanto se mandi una mail a centomila persone qualcuno comunque ci cascherà...
20-12-2010 17:21

Giustissimo: ma allora, perché tutte le proposte fasulle (che quotidianamente ricevo da presunte Poste, istituti bancari ecc..) mostrano indirizzi totalmente diversi da quello presentato? Ingenuità o che altro? Leggi tutto
20-12-2010 16:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (2033 voti)
Febbraio 2024
Flipper Zero non è un gadget per “hackerare tutto”
Windows 11, malfunzionamenti a raffica dopo l'ultimo update
L'attacco informatico con gli spazzolini da denti
Malware di fabbrica nei mini PC venduti su Amazon
Samsung, beccata a barare, la butta sul filosofico
Google dice addio alla cache delle pagine web
LibreOffice 24.2 è pronto per il download
Gennaio 2024
Windows 11, sparisce la barra delle applicazioni
Al posto di Windows 12, un Windows 11 più snello e pieno di IA
IA, clonare le voci per truffare il prossimo è un gioco da ragazzi
No, le auto elettriche non vanno in tilt per il freddo
Errore 0x80070643 in Windows Update: la soluzione è un po' nerd
Rilasciato Scribus 1.6, la soluzione open source per il desktop publishing
Microsoft lancia il tasto Copilot
SSD, prezzi in aumento
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 febbraio


web metrics