Quando installare un router può costare 150.000 euro

Un recente decreto legislativo impone l'obbligo di rivolgersi a personale qualificato. Per i trasgressori previste pesantissime sanzioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-12-2010]

router modem installazione sanzione 15000 euro

Nella Gazzetta Ufficiale n° 280 del 30 novembre 2010 è stato pubblicato il Decreto Legislativo in attuazione della direttiva 2008/63/CE relativa alla concorrenza sui mercati delle apparecchiature terminali di telecomunicazioni, con entrata in vigore del provvedimento sancita per il 15 dicembre 2010.

La nuova norma per l'allacciamento dei terminali alle interfacce di rete pubblica è pensata per regolamentare il mercato della concorrenza delle telecomunicazioni, ma nell'attuale formulazione lascia ampio spazio di applicazione a pesantissime sanzioni pecuniarie.

La novità introdotta dal provvedimento consiste nell'imporre l'obbligo di affidare i lavori di installazione, di allacciamento, di collaudo e di manutenzione delle apparecchiature terminali a imprese abilitate secondo modalità che verranno stabilite dal Ministro dello sviluppo economico entro dodici mesi dall'entrata in vigore del decreto.

Con apparecchiature terminali vengono genericamente definite "le apparecchiature allacciate direttamente o indirettamente all'interfaccia di una rete pubblica di telecomunicazioni per trasmettere, trattare o ricevere informazioni; in entrambi i casi di allacciamento, diretto o indiretto, esso puo' essere realizzato via cavo, fibra ottica o via elettromagnetica; un allacciamento e' indiretto se l'apparecchiatura e' interposta fra il terminale e l'interfaccia della rete pubblica".

E' lecito pensare che tale definizione comprenda apparecchi come i modem o i router, che nelle moderne case multimediali sono oggetti a cui non si può rinunciare, fosse anche semplicemente per condividere la connessione Internet fra più computer.

Nel decreto è già previsto il range per le sanzioni (amministrative) pecuniarie, che partono da un minimo di 15.000 euro fino a un massimo di 150.000 euro. Fortunatamente dette sanzioni sono applicabili esclusivamente agli installatori che rilascino attestazioni difformi dalla (futura) normativa vigente.

Il rischio concreto, almeno per gli utenti privati, consiste più nell'obbligo di doversi rivolgere a tecnici specializzati per l'installazione di apparecchiature domestiche che nell'incorrere in sanzioni per certificazioni mendaci.

E' infatti inverosimile che chi provvede autonomamente all'installazione e alla configurazione della propria rete, a lavoro ultimato si prenda la briga di produrre un'inutile autocertificazione di conformità a proprio uso e consumo.

Uno spiraglio interpretativo è comunque dato dal comma che sancisce la possibilità di provvedere autonomamente alle attività di installazione e allacciamento dei terminali di telecomunicazione in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione: non resta che attendere (fiduciosi) la successiva regolamentazione dettagliata delle normative specifiche del Ministro dello sviluppo economico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Decreto del Fare, il Wi-Fi è finalmente libero

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 42)

Contatterò Telecom.
20-12-2010 21:39

Giuste considerazioni da parte di entrambi. Però nessuno ha avuto aggiornamenti o nuove notizie sul succo della questione? :? Leggi tutto
20-12-2010 19:24

Stavo per rispondermi la stessa cosa... mi fa piacere di aver supposto correttamente. :D Sto migliorando eh? :oops: Leggi tutto
20-12-2010 17:45

dato che fare apparire sulla barra di stato un indirizzo diverso da quello reale richiede un minimo di lavoro in più (soprattutto adesso che certe falle molto semplici da sfruttare sono state tappate) allora spesso neanche si sforzano. Tanto se mandi una mail a centomila persone qualcuno comunque ci cascherà...
20-12-2010 17:21

Giustissimo: ma allora, perché tutte le proposte fasulle (che quotidianamente ricevo da presunte Poste, istituti bancari ecc..) mostrano indirizzi totalmente diversi da quello presentato? Ingenuità o che altro? Leggi tutto
20-12-2010 16:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2222 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics