Debutta Google eBooks con 3 milioni di libri in streaming

Google Editions cambia nome. I libri elettronici sono sempre disponibili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-12-2010]

Google eBooks libreria online

Google Editions ha debuttato, a breve distanza dall'ultimo annuncio, e per l'occasione ha cambiato nome: ora si chiama Google eBooks.

La libreria online di Google si presenta nel mercato dei libri elettronici - neonato ma già piuttosto affollato - partendo da un punto di vista diverso rispetto a quello dei concorrenti: gli utenti non acquistano un file da scaricare, ma il diritto di leggerlo online.

Il motto del servizio è infatti "compra dovunque, leggi dovunque", dove con "dovunque" si intende "dovunque ci sia accesso a Internet".

Per ovviare all'impossibilità di leggere in caso di mancata connessione alla Rete sarà sempre possibile scaricare sul proprio dispositivo preferito il file contente l'ebook (eventualmente protetto da DRM, se così ha richiesto l'editore), ma la modalità principale di fruizione è quella online.

In questo modo ci si libera dalla necessità di portarsi dietro il dispositivo contenenti i libri elettronici: per riprendere la lettura va bene pressoché qualsiasi e-reader (sul sito di Google c'è una lista delle app necessarie a seconda del dispositivo), ma anche su qualsiasi smartphone, tablet o normale computer (basta un browser).

Il lancio avviene per ora soltanto negli Stati Uniti, dove gli accordi con gli editori sono stati sottoscritti da qualche tempo: perché arrivi da noi Google dovrà fare lo stesso con i protagonisti dell'editoria italiana.

Il catalogo USA comprende 3,3 milioni di libri, di cui 300.000 in vendita e gli altri di pubblico dominio, quindi disponibili gratis.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2173 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics