L'Ungheria imbavaglia la libertà della Rete

Studenti universitari in piazza contro una legge che pone i media sotto il controllo dello Stato e infligge multe pesanti ai siti web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-12-2010]

Ungheria legge bavaglio libertà rete TV Web

Gli studenti universitari scendono in piazza in un'Ungheria sull'orlo del crack finanziario e in cui il governo - con una sua legge su stampa, TV e Internet - sembra voler tornare ai tempi della dittatura comunista.

La nuova legge, approvata dalla maggioranza conservatrice del parlamento ungherese, prevede multe pesanti agli organi d'informazione nei casi di una non meglio specificata "violazione dell'interesse pubblico" e di articoli "non equilibrati politicamente" o "lesivi della dignità umana".

Le multe vanno dai 700.000 euro previsti per le TV agli 89.000 euro previsti per i giornali e i siti Internet.

Inoltre i giornalisti saranno tenuti a rivelare le proprie fonti per questioni legate "alla sicurezza nazionale".

Il primo ministro Orban ha poi istituito una Autorità Nazionale delle Telecomunicazioni con a capo Annamaria Szalai, a lui vicina, e composta da cinque membri tutti nominati dal partito di governo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Infatti, ci sta pensando Silvietto con tutta la sua cricca a implementarle a suo uso e consumo... Leggi tutto
4-1-2011 14:44

Eh sì, siamo proprio un popolo fortunato. :? Se vede che ce lo meritiamo. :x Leggi tutto
4-1-2011 12:10

Per fortuna che in Italia, grazie al voto popolare, i comunisti non ci sono più in Parlamento! E con essi le loro censure, dittature e leggi illiberali.
4-1-2011 11:21

Ricordiamoci sempre che televisioni e giornali, quelli che vendono migliaia e migliaia di copie, possono sempre essere controllati o, quantomeno, pilotati... Internet No e tramite essa tutti possono esprimere le proprie opinioni che altri possono leggere, diffondere, condividere, capire, approvare o criticare. Questo non è proprio ciò... Leggi tutto
2-1-2011 18:10

Il bello che anche l'Ungheria che diceva di aborrire la dittatura Comunista poi alla fine RIPRISTINA la stessa legge sull'informazione e che anzi la potenzi, dato che all'epoca comunista Ungherese (ultra-repressiva) la produzione era in mano alla nomenclatura e oggi no! Come diceva un saggio "Nel tempo i cu@@ cambiano ma i ca@@@... Leggi tutto
22-12-2010 20:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2002 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics