L'iPhone memorizza in segreto gli spostamenti dell'utente

I dispositivi di Apple tengono traccia di ogni spostamento in un file non crittografato. Potenziale violazione della privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-04-2011]

iPhone Tracker iPad registrano spostamenti Warden

Due ricercatori inglesi, Peter Warden e Alasdair Allen, hanno reso nota al mondo un'informazione la cui esistenza finora era limitata a circoli ristretti, come gli esperti di informatica delle forze dell'ordine.

Tale informazione è l'abitudine di iPhone e iPad di registrare ogni proprio spostamento, salvando in un file la propria posizione - ricavata dal GPS interno o dalle celle della rete mobile - ogni secondo.

Il file, conservato sul dispositivo, non è crittografato, viene copiato sul computer quando si fa il backup e si sposta da un iDevice all'altro durante la procedura di migrazione.

Tutto ciò fa pensare che la sua esistenza non sia per nulla accidentale, e la mancanza di crittografia lo rende una serissima minaccia per la privacy: chiunque abbia accesso fisico a un iPhone, a un iPad o ai loro backup può con qualche accorgimento ricostruire senza eccessiva difficoltà gli spostamenti del loro legittimo proprietario.

Per mostrare la serietà delle proprie affermazioni, Warden e Allen hanno realizzato un'applicazione che abbina i dati del file a una mappa, visualizzando così gli spostamenti, e l'hanno messa a disposizione online sotto il nome di iPhone Tracker.

Per limitare i danni che iPhone Tracker può causare se usato impropriamente i due ricercatori hanno limitato ad aggiornamenti settimanali i dati ricavati dal file degli spostamenti, ma chiunque con un po' di pratica potrebbe modificare il software per estrarre i dati completi.

Al momento non è chiaro - anche perché Apple non ha ancora rilasciato alcun commento sulla vicenda - perché iPhone e iPad siano così impegnati nel tenere traccia dei propri spostamenti.

Quel che è certo è che si tratta di una caratteristica propria dei dispositivi con la Mela morsicata sul retro - colto da un atroce sospetto, Allen ha setacciato anche il codice di Android, senza trovarne alcuna parte che esegua lo stesso compito - e che nessun dato viene trasmesso a Apple.

Può darsi che l'azienda di Cupertino stia preparando il terreno per una futura applicazione che sfrutterà queste informazioni, ma il danno potenziale per la privacy degli utenti è tutt'altro che remoto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Credo che tu l'abbia "gelato" con la limpidezza di un ragionamento che non fa' una grinza. :lol: Leggi tutto
23-4-2011 21:39

Rispetto la tua libertà di proporre, ma trasformare un rischio per la privacy in proposta è... improponibile ;) Leggi tutto
23-4-2011 20:48

Io proporrei a chi ha simili idee di munirsi direttamente di cavigliera elettronica :D Se mi compro un cellulare, lo faccio per poter telefonare, non per permettere a qualcuno di seguire i miei movimenti. Mi sembra che tanti dimentichino come i dati sensibili potrebbero essere utilizzati anche da malintenzionati che ne entrino in... Leggi tutto
22-4-2011 18:16

Che dire, le proposte sono fatte per essere "proposte" a qualcuno o a un gruppo; evidentemente nessuno può dire ad un altro cosa può o non può proporre. Questo vale anche per te e ovviamente per me. Dal dizionario italiano: "proposta": (f) "l'atto del proporre, con cui si sottopone dunque all'approvazione altrui... Leggi tutto
22-4-2011 13:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (2120 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 agosto


web metrics