Il gene che moltiplica il biocarburante

Grazie a un gene estratto dal mais è possibile aumentare la produzione di biocarburanti dai vegetali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-10-2011]

Biocarburante gene mais corngrass1 panico verga

Una delle questioni che rallentano l'adozione dei biocarburanti è costituita dalla difficoltà di produrne in quantità commisurata al fabbisogno.

Gli esperimenti svolti all'Università della California a Berkeley da un gruppo di ricercatori guidato da George Chuck promettono però di risolvere anche questa difficoltà.

Prelevando un gene (il Corngrass1) dal mais e inserendolo in diverse piante usate per la produzione di biocarburanti (come il panico verga) sono riusciti a creare una varietà da cui è possibile ottenere molto più biocarburante.

La presenza del gene Cg1 ha diversi effetti: innanzitutto rende la pianta simile, dal punto di vista biochimico, alle foglie più giovani, caratteristica che rende più semplice estrarre gli zuccheri semplici; poi aumenta la quantità di amido presente nella pianta del 250%, aumentando di conseguenza anche la quantità di glucosio che da esse può venire estratto.

Vi è poi un'altra conseguenza, che secondo gli autori dello studio rappresenta un vantaggio: il gene inibisce la produzione di fiori e semi, il che permette di evitare un incrocio accidentale con le piante "normali" e una diffusione incontrollata del gene Cg1.

Nonostante le ricerche si siano concentrate sul panico verga, i ricercatori ritengono che la stessa tecnica si possa applicare ad altre specie.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da Audi il biocarburante più dolce del mondo
Il biocarburante ottenuto grazie all'Escherichia Coli
Un biocarburante pulito dalla CO2
L'aereo di linea che va a olio da cucina

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1348 voti)
Dicembre 2020
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Tutti gli Arretrati


web metrics