Il traduttore universale di Google parla italiano

Google Translate per Android ora può tradurre le frasi pronunciate in italiano in 15 lingue differenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-10-2011]

Google Translate Conversation Mode italiano

Ogni volta che aggiorna l'app Translate, Google si avvicina sempre più al sogno del traduttore universale espresso più di un anno fa.

L'update precedente a quest'ultimo introduceva una novità sperimentale in Google Translate per Android: la Modalità Conversazione, tramite la quale è possibile tradurre da una lingua all'altra le parole pronunciate nel telefono.

In questo modo è sufficiente parlare nella propria lingua madre perché l'app capisca quanto viene detto e prepari una traduzione, che sarà poi riprodotta dall'altoparlante dello smartphone; lo stesso, naturalmente, avviene anche in senso inverso.

Al momento del lancio, la Modalità Conversazione supportava soltanto due lingue: inglese e spagnolo.

L'ultimo aggiornamento introduce il supporto ad altre 14 lingue, tra cui anche l'italiano. Le altre sono portoghese brasiliano, ceco, olandese, francese, tedesco, giapponese, coreano, cinese mandarino, polacco, russo e turco.

Google avverte sul proprio blog ufficiale che questa funzionalità va ancora considerata in versione alfa, quindi le traduzioni possono venire compromesse dai rumori ambientali e dalle influenze degli accenti regionali.

Il bello, però, è che più persone usano l'app più il software diventerà accurato, poiché accumulerà sempre più esempi.

Google Translate è disponibile per gli smartphone e i tablet con Android 2.2 e successivi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Skype traduce in tempo reale
Skype tradurrà le chiamate in tempo reale entro fine anno

Commenti all'articolo (2)

Se per funzionare (come immagino) ha bisogno di campo, allora in Italia Ŕ meglio portarsi dietro il vocabolario.
18-10-2011 08:32

proprio fico!
15-10-2011 12:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1270 voti)
Marzo 2021
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 marzo


web metrics