Falla nella crittografia, transazioni online a rischio

In alcuni casi, i numeri generati dall'algoritmo RSA non sono così casuali: rischi soprattutto per l'home banking.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-02-2012]

falla rsa crittografia

Sei ricercatori - americani ed europei - hanno scoperto che nella crittografia a chiave pubblica secondo l'algoritmo RSA comunemente usata in Internet può trovarsi un serio problema.

Il funzionamento di RSA si basa sull'utilizzo di due numeri primi molto grandi, generati casualmente, che vengono moltiplicati tra loro per generare la chiave pubblica; i numeri originali vengono tenuti segreti, e serviranno per decodificare i messaggi in arrivo codificati tramite la chiave pubblica.

Perché il sistema funzioni e garantisca la sicurezza, è vitale che i numeri primi siano generati in modo davvero casuale.

Stando ai ricercatori, in alcuni casi (pochi, ma reali) la generazione non è realmente casuale, e diventa quindi possibile, partendo dalla chiave pubblica, risalire ai numeri originari.

Per dimostare che non si tratta soltanto di teoria, i crittografi hanno esaminato un database di 7,1 milioni di chiavi pubbliche utilizzate per cifrare le e-mail, le transazioni bancarie e altre operazioni che richiedono l'utilizzo di sistemi di sicurezza per la loro protezione.

Utilizzando semplicemente l'algoritmo di Euclide (quello che serve a trovare il massimo comun divisore tra due numeri interi), sono riusciti a trovare i numeri segreti all'origine di circa 27.000 chiavi.

Sondaggio
Utilizzi la funzione di salvataggio delle password nel browser?
Sì, è molto utile
Sì, ma ora non lo farò più perché non è sicuro.
Sì, ma solo per password di poco conto.
No, per sicurezza non ho mai memorizzato alcuna password nel browser.
No, perché? Le password si possono salvare?

Mostra i risultati (5769 voti)
Leggi i commenti (17)

Per quanto l'esperimento lasci pensare che la percentuale di chiavi compromesse sia piccola, il fatto che tale falla sia stata scoperta e confermata nel mondo reale fa sì che il problema sia piuttosto serio.

Inoltre, la relativa semplicità del procedimento per trovare i numeri primi ha spinto i ricercatori a ipotizzare che qualcuno possa anche aver già scoperto questo sistema, e magari averlo usato (poiché nessun altro, finora, ne ha dato notizia) per scopi criminali.

Il risultato delle ricerche sarà reso ufficialmente noto soltanto in agosto, a una conferenza sulla crittografia che si terrà in California, ma l'importanza della scoperta ha spinto i suoi autori a decidere di rendere subito noto il problema, che è esposto nel dettaglio in un file PDF pubblico.

Un'ulteriore difficoltà deriva dal fatto che i ricercatori stessi hanno dovuto ammettere di non aver capito perché quei generatori di numeri casuali hanno prodotto risultati imperfetti; tuttavia la falla pare essere relativamente diffusa e non imputabile a un singolo software o sviluppatore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

In realtà neppure con sistemi hardware dedicati abbiamo la garanzia di avere un numero random. Purtroppo i problemi di sicurezza di queste cose non sta tanto agli algoritmi di cifratura (anche se qualche rogna la danno pure loro) ma alle loro implementazioni. Però non mi sento di gridare "allarme allarme" almeno per ora...
19-2-2012 13:19

Sono pienamente d'accordo con freemind. Generare numeri casuali con un algoritmo è un ossimoro, e per quanto si renda l'algoritmo complesso prima o poi sarà sempre possibile trovare una chiave. L'unica soluzione è generare i numeri casuali con un sistema hardware tipo un generatore di rumore bianco. Ma questo richiede schede dedicate e... Leggi tutto
19-2-2012 08:56

Una funzione di hash è non iniettivo per definizione in quanto il dominio ha una certa cardinalità maggiore di quella del codominio. Il problema qui è il generatore dei numeri random: creare al computer un numero casuale non è facile e qui in più i numeri da creare sono due e primi! Non so che algoritmo viene usato di solito per creare... Leggi tutto
16-2-2012 19:30

concordo che il senso dell'articolo NON è è stato violato RSA ma che è stato scoperto un importante mattoncino per costruire un grimaldello perchè un algoritmo che si credeva random in realtà non lo è del tutto. Però mi domando:qualche anno fa si scoprì che l'algoritmo di hash non era "univoco" nel senso che input diversi... Leggi tutto
16-2-2012 16:20

Dunque, prima che il solito furba dica: "Ecco! Allora l'algoritmo non è sicuro!" faccio notare che NON è violato (in questo caso) RSA ma il problema è la generazione dei numeri primi. Purtroppo nel caso di cifratura asimmetrica le cose fondamentali sono 2: 1) i numeri usate per generare le chiavi devono essere per forza primi... Leggi tutto
16-2-2012 14:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La nuova Xbox One presenta molti punti controversi: impossibilità di prestare giochi agli amici, connessione Internet obbligatoria per giocare, uso del Kinect invece che del telecomando. Secondo te sarà un successo o un flop?
Avrà più successo della Xbox 360.
Sarà un flop colossale.
Venderà molto ma non riuscirà a bissare il successo dell'edizione 360.

Mostra i risultati (739 voti)
Luglio 2020
Il 6G di Samsung, tra ologrammi e realtà virtuale in 16K
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
Tutti gli Arretrati


web metrics