Cyberlocker, tre mesi di passione

La battaglia dell'industria del porno sta dando frutti: oltre 50 siti han già chiuso i battenti, e altri seguiranno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-10-2012]

Robert King cyberlocker

Tre mesi fa Robert King - produttore australiano di contenuti per adulti e, per questo, noto in rete come AdultKing - ha dichiarato guerra ai cyberlocker.

Affermando che la maggior parte degli utenti utilizza questi servizi per conservare e condividere materiale coperto da copyright, ha avviato una campagna al fine di «fare a pezzi l'industria illegale dei file locker, tagliandole l'apporto di denaro» come ha dichiarato.

La strada scelta per ottenere questo risultato è semplice da spiegare: dopo aver compilato una lista di quei siti che offrono abbonamenti premium e quelli che ricompensano gli utenti per aver caricato i contenuti più popolari, ha raccolto prove sulle violazioni al copyright perpetrate dagli utenti di questi servizi.

Quindi ha inviato le prove ai sistemi di pagamento utilizzati dai cyberlocker, come PayPal; questi, una volta messi di fronte all'evidenza, non hanno potuto fare altro che sospendere o cancellare gli account. È in questo modo che King è riuscito a «tagliare l'apporto di denaro».

Sono ormai trascorsi 90 giorni da quanto il produttore australiano ha iniziato la propria guerra: in questo periodo, stando ai dati forniti dal sito Stop File Lockers (voluto e finanzito da King stesso e operato da una serie di volontari), 54 siti hanno cessato l'attività - alcuni perché non potevano più pagare l'affitto dei server - e altri 34 al momento sono privi dell'appoggio del sistema di pagamento di cui si servivano. Altri 22 - aggiunge Stop File Lockers - dovrebbero andare offline a breve.

Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1235 voti)
Leggi i commenti (6)

Il numero di siti coinvolti è però molto più grande. King afferma che i cyber locker per i quali sono stati sospesi i sistemi di pagamento sono 503, e nel frattempo Stop File Locker è diventato una sorta di punto di riferimento sia per quanti vogliono unirsi alla battaglia di King sia per quanti vogliono contare i caduti.

Tutta questa attività non ha mancato di dare origine a delle critiche, le più accese delle quali provengono dalle comunità online che ruotano intorno ai contenuti per adulti: c'è per esempio chi ha accusato King di utilizzare standard troppo elevati per decidere quali siti violino il copyright, standard che sono ben oltre i limiti fissati dalla legge.

All'estremo opposto si trovano quanti criticano King per la mancanza di impegno contro i vari tube (i vari cloni di YouTube e i servizi di video in generale) presenti in rete che ospitano illegalmente materiale: secondo costoro sarebbero i video online il vero nemico, e non i cyberlocker.

Infine, c'è la questione del denaro: molti hanno accusato King di voler trasformare l'associazione no-profit che attualmente si batte per far cadere tutti i cyberlocker in un'organizzazione antipirateria; il produttore afferma che tutta l'attività è portata avanti su base volontaria, e che egli stesso ha donato 50.000 dollari per la causa.

Intanto, l'elenco delle vittime comprende nomi sconosciuti e attori famosi del mercato dei cyberlocker: per esempio, FilesFactory, DepositFiles e Uploaded non dispongono più di un account PayPal, stando a quanto afferma Stop File Lockers.

Tutto ciò ha portato i fornitori dei servizi di pagamento a rendere ancora più severi i requisiti, per quanto riguarda il rispetto delle norme sul copyright, per poter sfruttare i loro servizi: PayPal, per esempio, già a luglio ha fatto scalpore perché tra le richieste elencava «in sostanza l'accesso al backend per controllare tutti i file caricati» come spiegava Putlocker.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

E speriamo che la selezione naturale faccia rapidamente il suo corso. :lol:
13-10-2012 15:33

Le guerre degli stolti sono utili alla selezione naturale. :D
9-10-2012 20:47

Una serie di "vittorie di pirro".... Siti che chiudono per poi riaprire (ancora pi¨ grossi e numerosi) e server di scambio file che cambiano nome o usano accunt Paypal sempre diversi... Insomma una lotta che Ŕ uno spreco di denaro. Ciao
9-10-2012 19:01

{millika}
La battaglia DELL'industria del porno o CONTRO líndustria del porno? :-)
9-10-2012 11:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa ne pensi degli oggetti volanti non identificati?
Sono bufale.
Sono navi spaziali extraterrestri.
Sono esperimenti segreti di alcuni governi.
E' attivitÓ demoniaca.

Mostra i risultati (3199 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics