Guadagnare scattando foto con lo smartphone

Un'app consente di realizzare piccoli guadagni svolgendo rilievi fotografici per le aziende.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-05-2013]

BeMyEye

BeMyEye, cioè Sii il mio occhio, è una idea tutta italiana che porta a un nuovo livello il mystery shopping.

Da una parte ci sono le aziende che necessitano, per esempio, di verificare la correttezza di un'offerta di vendita, la presenza del proprio prodotto e la sua adeguata disposizione negli scaffali; dall'altra ci sono gli "eye", gli occhi, ossia gli utenti che possono svolgere questo compito e in tal modo guadagnare, ottenendo per il loro lavoro dei micropagamenti.

Per partecipare occorre essere maggiorenni, attivare un conto PayPal, possedere un iPhone (ma presto sarà possibile anche utilizzare Android) e registrarsi attraverso l'app, il tutto a costo zero: si diventa così eye, occhi per conto delle aziende che daranno le indicazioni necessarie attraverso la piattaforma di bemyeye.com.

In questo modo le aziende hanno facilmente e immediatamente una capillare possibilità di controllo sul territorio di vendita a costi minimi; in cambio di una attività veloce e tutto sommato semplice l'utente otterrà un piccolo guadagno.

L'idea è nata da una esigenza personale del creatore di BeMyEye, Gian Luca Petrelli: titolare di una piccola ditta di prodotti alimentari venduti all'estero, si è trovato nella necessità di lanciare e monitorare una campagna pubblicitaria negli Stati Uniti senza ovviamente poter contare sulle risorse dei grandi marchi della distribuzione.

Sondaggio
In quale modo la Rete ti assiste di più per risparmiare?
Trovare gli stessi prodotti disponibili offline, ma a un prezzo inferiore
Accedere a beni introvabili nei negozi solitamente frequentati
Acquistare prodotti altrimenti inaccessibili senza sconti e promozioni online

Mostra i risultati (1909 voti)
Leggi i commenti (5)

Grazie a un investimento da parte di 360 Capital Partners e Finlombarda pari a circa mezzo milione di euro è nata nel 2011 BeMyEye Srl, che in breve ha dato vita a una realtà già operativa pienamente in Italia e pronta a sbarcare anche all'estero, in Francia prima e nel resto d'Europa poi.

L'app conta ad oggi quasi 11.000 utenti: a ogni nuova necessità da parte di una delle aziende clienti viene caricato sul sito il compito da svolgere, che solitamente consiste nel compilare un breve questionario, scattare una fotografia del prodotto o magari acquisire un codice a barre.

BeMyEye
Uno screenshot dell'app

Gli eye che si trovano in un raggio di azione utile verranno avvertiti dall'app e, se interessati, potranno recarsi nel punto vendita, effettuare il check-in mediante il GPS e svolgere il compito assegnato.

Il tutto si svolge in maniera trasparente e assolutamente legale: le foto eventualmente richieste ritraggono soltanto il prodotto e non persone, e con gli utenti è in essere un regolare contratto di lavoro di prestazione occasionale per il quale è prevista regolare trattenuta d'acconto.

Specie abitando in grandi città dove è più facile incontrare le esigenze delle aziende, BeMyEye può risultare un modo per guadagnare piccole cifre con un impegno contenuto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'Instagram della moda arriva su iOS

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

{Jenny}
I compensi per gli incarichi sono ridicoli. Dovreste informarvi, ci sono agenzie serie che pagano compensi equi, questi sfruttano, in mala fede, persone che non sanno che il mystery shopper è un lavoro, e come tale va pagato (e non 3-4-5 E a incarico).
29-11-2015 15:20

{Carlo}
Direttamente dal sito di BeMyEye: Temo che a molti faccia proprio schifo lavorare, un iPhone 3GS 600 euro? Ma quando mai? Con 250 lo trovate usato da Gamestop, o rivolgetevi a Ebay, se lo volete nuovo non e' certo per guadagnare ma per essere alla moda, in fondo siete abituati alle comode rate no?. Ora mi verrete a dire che pagano poco... Leggi tutto
13-5-2013 06:19

circa i permessi / divieti a fotografare occorre fare una precisazione. Luoghi pubblici: vietato fotografare caserma, stazioni, in genere installazioni e impianti che rivestono (rivestivano?) interesse militare o economico (aziende a partecipazione pubblica) anche se solo gli esterni. Luoghi privati (anche se aperti al pubblico: ad es.... Leggi tutto
12-5-2013 22:36

{Michele}
Condorco ecco qui un elenco di divieti che ho trovato pubblicati da un fotografo (non ho verificato ma molti già li conoscevo quindi li reputo attendibili) Non si può fotografare in luoghi pubblici con grandi assembramenti (appunto) come stazioni, aeroporti, moli, fari, ecc ecc presumo per motivi di terrorismo. Ugualmente... Leggi tutto
12-5-2013 13:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1915 voti)
Ottobre 2021
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 ottobre


web metrics