Google rompe gli indugi: Waze sarà nostra

La società di Mountain View acquista il navigatore social per oltre un miliardo di dollari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-06-2013]

google compra waze

Il periodo delle mezze voci e delle indiscrezioni è finito: con un post sul blog ufficiale, Google ha confermato l'intenzione di acquistare Waze, il navigatore "social".

Un'offerta più alta rispetto a quella avanzata da Facebook - tra 1 e 1,5 miliardi di dollari - e la promessa di non cambiare nulla nel modo di lavorare dell'azienda israeliana hanno convinto i dirigenti di quest'ultima a cedere alla Grande G.

La società di Mountain View ha peraltro giurato che per gli oltre 40 milioni di iscritti a Waze non cambierà nulla, integrazione nei prodotti di Google a parte; anzi, l'idea di fondo è fornire strumenti migliore per rendere ancora più coesa, partecipata e ampia la comunità.

Dopotutto la forza di Waze sta proprio in questo: avere il maggior numero possibile di persone pronte a collaborare per rendere sempre più precisa e aggiornata la mappatura stradale.

Sondaggio
Qual è il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessità.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte è bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3358 voti)
Leggi i commenti (21)

«Manterremo la nostra comunità, il nostro marchio, ma anche servizi e organizzazione. La gerarchia della community, le responsabilità e i processi gestionali resteranno gli stessi» ha scritto Waze in un comunicato ufficiale per rassicurare gli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Waze nel mirino della polizia stradale
Google pronta a mettere le mani su Waze
Facebook a caccia del navigatore satellitare social
Il navigatore satellitare sociale

Commenti all'articolo (2)


@Roberto1960 Il mondo non è malato, è solo che ad alcuni è concesso molto più che ad altri... in cambio di adeguate contropartite ovviamente. :roll:
15-6-2013 18:22

Come si fa a non incorrere in regolamenti anti-trust in operazioni come questa per me è sinceramente un mistero. O, per meglio dire, uno dei segni che viviamo in un mondo decisamente malato.
13-6-2013 11:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1226 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics