Hotfile ha chiuso per sempre, portando i file con sé

L'industria cinematografica ha preteso 80 milioni di dollari per far cadere le accuse di pirateria. Ma Kim Dotcom non ci crede...



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2013]

hotfile chiude

È la seconda vittima delle major dopo Megaupload: all'inizio di questo mese Hotfile ha chiuso i battenti per sempre.

Proprio come Megaupload, la sua chiusura è stata improvvisa e ha comportato la sparizione di tutti i file, creando grandi disagi agli utenti; l'unica differenza è che per arrivare a questo punto non è stato necessario l'intervento dell'FBI.

La situazione è precipitata dopo la conclusione di un accordo tra Hotfile e la MPAA, l'associazione delle case cinematografiche americane: quest'ultima chiedeva 500 milioni di dollari di danni, ma grazie all'accordo tale cifra è stata poi ridotta a 80 milioni.

Si pensava che, una volta giunti a questo punto, Hotfile potesse continuare a operare: dopotutto, se è vero da un lato che molti utenti adoperavano il servizio per caricare e condividere opere protette da copyright, dall'altro è anche vero che Hotfile era ampiamente utilizzato per conservare materiale del tutto legittimo, principalmente a scopo di backup.

Invece, Hotfile ha staccato la spina. Visitando il sito si viene accolti da una schermata la quale informa gli utenti che la chiusura è avvenuta a seguito della scoperta di violazioni alle leggi sul copyright e invita a cercare film e show televisivi sulle piattaforme legali.

Gli utenti si sono trovati quindi all'improvviso privi dell'accesso ai propri file, e ancora non è dato sapere se ci sarà modo di recuperare per lo meno il materiale legale: una situazione che ancora una volta richiama quanto capitato con Megaupload.

Nel frattempo però c'è un altro elemento interessante da tenere in considerazione, ed è l'intervento nella faccenda da parte di Kim Dotcom.

Con un post su Twitter il fondatore di Mega ha fatto sapere che, in base alle sue fonti, la cifra pagata da Hotfile alla MPAA è considerevolmente inferiore agli 80 milioni pubblicizzati.

Sondaggio
Che rapporto d'aspetto ha il tuo monitor?
4:3
16:9
16:10

Mostra i risultati (1765 voti)
Leggi i commenti (11)

«Nessuno deve credere che Hotfile paghi un accordo da 80 milioni alla MPAA. È un numero da "PR". Il numero reale è molto più basso» ha scritto Dotcom, pur non indicando alcuna fonte o motivazione per la propria affermazione.

In un'intervista a TorrentFreak, Kim Dotcom ha ribadito che secondo lui la cifra di 80 milioni è stata pubblicizzata con l'unico intento di spaventare gli altri fornitori di servizi analoghi a quelli di Hotfile.

Inoltre «la MPAA, quando conclude accordi, pretende che i gestori del sito sottoscrivano una lista di attività che non possono portare avanti per cinque anni, come dar vita a un nuovo sito analogo. Quando il periodo è trascorso i gestori ricevono uno sconto significativo (spesso superiore al 90%) e nel frattempo non devono versare l'intero ammontare ma qualcosa come il 5%» ha aggiunto Dotcom.

Ciò che preme alla MPAA, insomma, è la sparizione dei servizi di file hosting: la richiesta di danni serve solo a evitare che altri vogliano intraprendere la medesima strada.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La MPAA vuole 500 milioni da Hotfile

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Quella Ŕ la pi¨ intramontabile di tutte le mode. :(
18-12-2013 23:35

Moda e un metodo nuovo e fico per spillar quattrini ai gonzi...
18-12-2013 19:24

Verissimo. Ŕ che ora Ŕ moda il cloud.
18-12-2013 13:59

Quelli che hanno lavorato in remoto su VM sanno, e dicono, da sempre che il cloud non pu˛ essere usato AL POSTO di sistemi di archiviazione in locale, proprio perchŔ NON SI HA ALCUNA GARANZIA della disponibilitÓ del nostro materiale, nŔ in termini di immediatezza (vedi guasti, scioperi o anche solo burocrazia es. per il rinnovo... Leggi tutto
18-12-2013 12:04

Nel contesto attuale, direi che il cloud Ŕ senza speranza.
17-12-2013 20:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1186 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics