Tim e Vodafone, gli avvisi diventano a pagamento

Tenere il telefono spento costerà caro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-07-2014]

losai chiamaora pagamento

Con un SMS agli utenti, TIM ha comunicato che dal 21 luglio i servizi LoSai e ChiamaOra diverranno a pagamento.

Nel dettaglio, verrà applicato un canone di 1,90 euro (IVA inclusa) ogni quattro mesi; se finora questi servizi erano gratuiti, ora costeranno 5,70 euro all'anno.

LoSai informa gli utenti TIM sulle chiamate ricevute quando si ha il telefono spento o non raggiungibile, oppure quando si è occupati in un'altra conversazione.

Quando si torna disponibili si riceve un SMS, il cui mittente è il numero di chi ha cercato di chiamare, con data e l'ora del tentativo.

ChiamaOra consente invece di ricevere un SMS di avviso, oppure di prenotare la richiamata automatica, qualora la persona che si sta chiamando al momento non possa rispondere, perché ha il telefonino spento o fuori copertura oppure sia occupata in un'altra conversazione.

L'SMS riporterà come mittente il nome della persona chiamata e nel testo sarà indicata l'ora in cui essa sarà tornata raggiungibile.

Prenotando la Richiamata automatica, quando la persona tornerà raggiungibile il suo telefonino squillerà; rispondendo, attiverà una telefonata verso chi la cercava. Questa telefonata si pagherà ovviamente in base al proprio piano tariffario.

Anche Vodafone, con singolare tempismo, ha deciso di rendere a pagamento i servizi analoghi. Per pura coincidenza (o forse no?) questo avverrà a partire dalla stessa data: 21 luglio.

Questa la comunicazione di Vodafone: "Dal 21/7 Vodafone modifica alcuni servizi accessori del tuo piano e Chiamami e Recall costeranno 6 cent al giorno solo quando li usi."

Sondaggio
Hai mai inviato Sms o messaggi o email a un tuo familiare mentre entrambi eravate a casa?
No, mai.
E' successo una o due volte.
Ogni tanto capita ma non è mia abitudine.
Lo faccio regolarmente.

Mostra i risultati (1887 voti)
Leggi i commenti (19)

Vodafone Recall è il servizio analogo di Tim Chiama Ora: consente di chiamare automaticamente un numero appena si libera o torna disponibile.

Vodafone Chiamami invece permette di ricevere un Sms quando si è ricevuta una chiamata mentre il telefono era occupato, spento o non raggiungibile.

Quindi, chi dovesse ricevere chiamate con telefonino occupato, spento o non raggiungibile tutti i giorni, si troverà a pagare 21,90 euro in più ogni anno.

Gli utenti Vodafone che non dovessero usufruire dei servizi Chiamami e Recall tutti i giorni, molto probabilmente alla fine dell'anno avranno speso una cifra analoga a quella degli utenti Tim.

Per disattivare i servizi (e non ricevere più gli avvisi di chiamate magari importanti) si potrà chiamare il numero 42070 dal proprio telefono. Per la disattivazione sono necessarie 48 ore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 45)

Dal 15/12/2014 anche Wind farà pagare il servizio SMS My Wind ai clienti con ricaricabile. Fonte. In particolare 19 cent alla prima notifica che comprende anche i successivi 6 gg. Se non ci fosse la tassa di concessione governativa, illegittima tra l'altro, sarei già passato all'abbonamento. Ciao
13-10-2014 23:30

Con Vodafone e Wind sarebbero 12 mesi ma, in realtà, sono 11 mesi... lo so per esperienza vissuta. :roll: Leggi tutto
16-7-2014 19:07

Sulla TV vengo bombardato dalla pubblicità di promozioni "irresistibili" dei due gestori ma questa cosa non l'ho mai sentita. Ciao Leggi tutto
16-7-2014 16:14

Per un certo periodo l'ho deviato anch'io in segreteria, poi ho eliminato anche quella deviazione perché fuori orario entrava in funzione la casella vocale della segretaria che al lunedì se la trovava intasata. :shock: Mauro Leggi tutto
16-7-2014 02:54

Probabilmente è così, ma è ovvio che prima o poi il cellulare lo si accenderà, mi sembra che dopo tot mesi senza ricaricare ti disabilitano la sim, e il credito lo perdi ugualmente.
15-7-2014 16:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2921 voti)
Luglio 2024
La Marina tedesca cerca una soluzione per sostituire i floppy da 8 pollici
WhatsApp, arriva la trascrizione automatica dei messaggi vocali
10 miliardi di password rubate e pubblicate in chiaro
Copilot si aggiorna e diventa inutile
La super SIM cinese con processore RISC-V
Giugno 2024
Tim al capolinea: dal 2 luglio la Rete non sarà più sua
Gli USA mettono al bando Kaspersky
Windows 11, l'ultimo aggiornamento è infestato da bug
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 luglio


web metrics