Quando ovulo e spermatozoo si incontrano: i fuochi d'artificio della fecondazione

L'incontro è letteralmente esplosivo e per la prima volta è stato fotografato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2014]

fecondazione fuochi artificio

Fuochi d'artificio di zinco: ecco che cosa succede quando uno spermatozoo e un ovulo si incontrano.

A rivelarlo sono le ricerche condotte dal team della dottoressa Teresa K. Woodruff della Northwestern University e pubblicate su Nature Chemistry.

Per la prima volta, grazie a nuove tecniche di imaging, si è riusciti a fotografare (nei topi) che cosa succede nell'attimo esatto in cui lo spermatozoo entra nell'ovulo, il momento preciso della fecondazione.

In quell'attimo, miliardi di atomi di zinco vengono rilasciati dall'ovulo dando vita a una specie di «pioggia di scintille di zinco», sorta di fuochi d'artificio molecolari.

Già si sapeva che i livelli di zinco hanno un ruolo importante nel regolare i processi biochimici legati al passaggio dall'ovulo fecondato all'embrione, e queste nuove informazioni possono aiutare - spiega la dottoressa Woodruff - a capire meglio il processo e migliorare le tecniche di fecondazione in vitro.

Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
È la solitudine che spinge le persone a usare "più tecnologia".
È l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1339 voti)
Leggi i commenti (20)

«Il quantitativo di zinco rilasciato da un ovulo» - racconta la ricercatrice - «può essere un ottimo indicatore per identificare un ovulo fertilizzato di buona qualità, qualcosa che al momento non possiamo fare. Se riuscissimo a identificare gli ovuli migliori, potremmo trasferire un numero minore di embrioni durante i trattamenti per la fertilità».

Il mezzo per la scoperta è un nuovo sensore fluorescente in grado di tracciare lo zinco nelle cellule viventi; grazie a esso gli scienziati hanno scoperto che in un ovulo ci sono circa 8.000 "compartimenti", appena al di sotto della superficie, ognuno dei quali contiene circa un milione di atomi di zinco.

zinc638

Sono questi "pacchetti" che rilasciano simultaneamente il proprio contenuto al momento della fecondazione.

«Al momento della fecondazione, vediamo che l'ovulo rilascia migliaia di pacchetti, ognuno dei quali emette un milione di atomi di zinco, e poi si ferma» spiega il dottor Thomas V. O'Halloran, coautore dello studio. «Poi c'è un'altra esplosione di zinco. Ogni ovulo ha quattro o cinque di queste esplosioni periodiche. È bellissimo da vedere, è orchestrato proprio come una sinfonia. Sapevamo che l'ovulo rilasciava grandi quantità di zinco, ma non avevamo idea di come facesse».

Il prossimo passo per i ricercatori è ora capire se davvero lo zinco possa essere correlato con la "qualità" dell'ovulo, un'informazione che, come già diceva la dottoressa Woodruff, potrà essere utile per la cura dell'infertilità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple e Facebook pagano le dipendenti che congelano gli ovuli
Gli spermatozoi robot per la fecondazione in vitro

Commenti all'articolo (1)

L'ovulo rilascia milioni di molecole di zinco, OK. Ma perché lo fa? :shock: Forse per allontanare gli spermatozoi ormai inutili? Mauro
23-12-2014 00:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (5047 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics