Antibufala: il questionario che discrimina i meridionali

Questionario scolastico britannico chiede ''Italiani, napoletani o siciliani?''



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-10-2016]

scuse

Sta spopolando sui giornali italiani e nei social network l'indignazione per un questionario proposto in alcune scuole del Regno Unito e dedicato ai nuovi alunni. Fra le opzioni proposte nel questionario, la scelta fra "Italiano", "Italiano (napoletano)", "Italiano (siciliano)" e "Italiano (Altro)".

C'è chi ha pensato che il questionario fosse un falso e chi l'ha interpretato come una schedatura di tipo etnico, con una discriminazione specifica nei confronti degli italiani. Addirittura è partita una nota dell'Ambasciata d'Italia a Londra ed è stato diffuso un commento pungente dell'ambasciatore italiano, Pasquale Terracciano, successivamente ammorbidito (ANSA) quando è diventato chiaro ( almeno per chi si è degnato di fare ricerca invece di fare titoloni acchiappaclic) che tutta la questione è una montatura basata su un errore elementare.

Infatti il questionario esiste veramente, ma riguarda la classificazione linguistica, non etnica. Non c'è nessun intento di discriminare fra italiani, siciliani e napoletani sulla base delle loro origini. Le scuole britanniche, in altre parole, chiedono semplicemente ai genitori degli alunni di indicare a quali aree linguistiche si sentono di appartenere o in quali lingue hanno competenza. Tutto qui.

Basta infatti cercare in Google le parole "Italian (Napoletan)" (che spiccano perché la grafia corretta è neapolitan) per trovare documenti amministrativi britannici (come questo o questo) che permettono di scoprire che si tratta dei cosiddetti Language code per il censimento linguistico.

questionario
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Sono, fra l'altro, codici di classificazione completamente distinti dagli Ethnicity code del censimento britannico, che in effetti potrebbero essere controversi (anche se non si basano sugli antenati o sul colore della pelle ma sul senso di appartenenza culturale e sociale) ma nei quali comunque esiste un'unica categoria per gli italiani, ossia Italian, punto e basta.

Qualunque giornalista che avesse avuto la dignità di lavorare, invece di fare copiaincolla scansafatiche e seguire l'onda dell'indignazione collettiva e della polemica facile, avrebbe trovato in trenta secondi (il tempo di una ricerca su Google) quello che ho trovato io. Lo ha fatto, per esempio, Il Foglio a firma di Stefano Basilico, notando inoltre che queste classificazioni linguistiche risalgono almeno al 2006 e quindi non sono una novità introdotta dal referendum sulla Brexit. Anche Alberto Nardelli su Buzzfeed ha riassunto bene la vicenda.

La schermata mostrata all'inizio di questo articolo e tratta da Repubblica è ingannevole, perché mostra senza contesto due menu separati facendoli sembrare parte di un'unica domanda: il menu superiore (WOTH - Any other White...) mostra un Ethnicity code, mentre il menu sottostante mostra un Language code. Ma i due menu riguardano due domande separate.

Quindi non è vero quello che scrive l'ANSA quando afferma che "Sui moduli d'iscrizione messi online da alcune circoscrizioni scolastiche britanniche di Inghilterra e Galles c'era la distinzione tra "Italiani", "Italiani-Siciliani" e "Italiani-Napoletani". La traduzione corretta sarebbe semmai "distinzione tra "lingua italiana", "lingua italiana-sicula" e "lingua italiana-napoletana"". Ma tradurre correttamente significherebbe dire addio alla polemica.

Per la stessa ragione non è vero quello che ha scritto il Giornale, a firma di Sergio Rame: "Il ministero dell'Istruzione inglese, ha infatti, inserito nel modulo di iscrizione alla scuola elementare l'obbligo di specificare se il bambino è di origine italiana, siciliana o napoletana." No: non si tratta di origine ma di lingua.

Particolarmente infelice la scelta di parole di Fabio Cavalera, corrispondente a Londra del Corriere della Sera, che scrive: "C'è poco da ridere e da scherzare. A essere buoni siamo di fronte a una manifestazione di stupidità e ignoranza. A essere cattivi, invece, c'è da pensare di molto peggio. Fatto sta che in alcune scuole del Regno Unito, all'atto dell'iscrizione, occorre passare dalle forche caudine della classificazione etnica". Ma i fatti documentano che la "stupidità e ignoranza" stanno probabilmente altrove.

Non c'è nessun intento discriminatorio di tipo etnico, insomma: anzi, semmai i siculi, napoletani potrebbero essere contenti del fatto che l'italiano siculo e napoletano vengono considerate (non a torto) lingue a tutti gli effetti. Fra l'altro, mi sembra che nessuno abbia notato che esiste nell'elenco britannico un codice linguistico di classificazione specifico anche per il sardo (Sardinian, SRD).

Non chiedetemi perché non c'è un codice linguistico per il pavese, il bolognese, il palermitano o il casalpusterlenghese: non scelgo io le classificazioni linguistiche usate dal governo britannico e francamente la cosa è del tutto secondaria rispetto alla questione principale, ossia che non si tratta di discriminazione etnica o sociale ma solo di classificazione linguistica, giusta o sbagliata che sia (in proposito c'è un ottimo articolo di Licia Corbolante su Terminologiaetc.it). Se poi volete continuare lo stesso a indignarvi sul fatto che nel Regno Unito non c'è una classificazione per il vostro dialetto o lingua locale, fate pure: vuol dire che non avete problemi più importanti nella vita e quindi sono contento per voi. Ma i fatti sono questi.

Aggiungo che non c'è nessuna discriminazione specifica per l'Italia, come sostiene invece ANSA ("Una inopinata distinzione etnico-linguistica riservata ai bambini provenienti dalla Penisola"): anche altri paesi europei sono stati suddivisi in aree linguistiche. Per esempio, l'indignato docente italiano Michele La Motta, citato per esempio dal Mattino e da altri giornali perché "[v]uole sapere dai suoi amici spagnoli se anche loro sono stati divisi tra galleghi, baschi e catalani", troverà appunto che nei Language code ci sono appunto Galician/Galego, Catalan e Basque/Euskara.

Sondaggio
Come preferisci seguire gli aggiornamenti di Zeus News?
Apro Zeus News nel browser e vedo se ci sono novità
Sono iscritto alla newsletter
Sono abbonato ai feed RSS
Seguo le novità dal Forum dell'Olimpo Informatico
Seguo le novità da Twitter
Seguo le novità da Facebook
Tramite un altro sito che aggrega le notizie
In altro modo (suggeriscilo nei commenti!)

Mostra i risultati (5897 voti)
Leggi i commenti (13)

Bufale un tanto al chilo ha notato altri esempi di suddivisione linguistica: "I berberi hanno 4 scelte, gli arabi 7, chi viene dal Bengali 3, i cinesi 6 e così via. Si tratta di dialetti o variazioni della lingua base, dialetti che sono così diffusi da necessitare una casella a parte".

Molto rumore per nulla, insomma: ma l'importante, per gli editori, è che ci si indigni, che i giornalisti facciano articoli faticando poco, e che si acchiappino tanti clic, così gli inserzionisti sono contenti. E se credete che questa sia una mia malizia, permettetemi di citare testualmente quello che mi è stato scritto da uno dei membri di queste redazioni pochi giorni fa:

Purtroppo su queste cose si scivola per la pulsione a pubblicare pezzi "pop" che portino clic.

Poi mi dicono che sono troppo cattivo quando definisco certi giornalisti e certe redazioni puttane del clic. Ecco, adesso l'avete nero su bianco.


(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

2016/10/13 11:55: modifiche e scuse britanniche. ANSA ha annunciato che "Il ministero dell'Istruzione britannico ha modificato i codici che, in alcune scuole del Regno Unito, classificavano linguisticamente gli studenti italiani in "italo-napoletani o "italo-siciliani". Lo ha annunciato il governo di Londra in una nota diffusa dall'ambasciata britannica a Roma. "Da oggi - si precisa nella nota - tutti gli allievi di madrelingua italiana saranno classificati sotto un unico codice"." ANSA aggiunge che "il Foreign Office si era scusato per i moduli scolastici britannici che distinguevano l'origine etnico-linguistica di napoletani e siciliani da quella degli altri italiani."

Inizialmente non trovavo riscontri, ma successivamente un lettore, Antonio L.N. (che ringrazio), mi ha segnalato questo post sulla pagina Facebook dell'Ambasciata Britannica a Roma:

Un portavoce del governo britannico ha dichiarato:
"Il governo britannico acquisisce informazioni linguistiche come parte del censimento scolastico per assicurarsi che gli studenti di madrelingua diversa dall'inglese possano ricevere la migliore istruzione possibile nel Regno Unito.
Ci è stata segnalata la presenza di uno storico errore amministrativo nei codici linguistici in uso fin dal 2006.
Anche se tale errore non ha avuto alcun impatto sull'istruzione ricevuta dagli alunni italiani nel regno Unito, il governo britannico esprime il proprio rammarico per l'accaduto e per le offese da questo eventualmente arrecate. Il ministero dell'Istruzione britannico ha modificato i codici in questione e da oggi tutti gli allievi di madrelingua italiana saranno classificati sotto un unico codice".

A UK government spokesman said:
"The UK government collects language information as part of the school census to ensure children whose first language in not English still have the best possible education in Britain.
"We have been made aware of an historic administrative error in the language codes in use since 2006.
"While this error has had no material impact on the education received by any Italian pupil in the UK, the UK government is clear that this should never have happened and we regret if any offence was caused. The Department for Education has corrected these codes and from today all Italian speakers will be classified under one code."

Questa comunicazione ribadisce il concetto che si trattava di codici linguistici e non etnici o di altro genere. Francamente non capisco perché ci si debba scusare per una questione puramente linguistica, ma queste parole del governo britannico non sono necessariamente un'ammissione di colpa: parlare di "rammarico" e di "offese... eventualmente arrecate" mi sembra più che altro un gesto di cortesia per chiudere la polemica. Se siete mai stati nel Regno Unito, sapete benissimo che un sorry non si nega mai, neanche quando si ha ragione.

Fonti (in senso negativo, archiviate su Archive.is per non regalare clic): Il Giornale, Il Gazzettino, Il Messaggero, La Stampa, Corriere della Sera, Repubblica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Quoto MaXXX. E agli inglesi una cosa la chiederei, io che che non sono ne siciliano ne napoletano dovrei scegliere Italian o Italian (Any Other)? Sarei curioso di capire anche questa sottile differenza... :wink:
22-10-2016 15:05

{Claudio56}
Giuste osservazioni ma... veramente sono in grado di differenziare l'insegnamento con questa precisione? Dispongono di insegnanti diplomati in sardo piuttosto che siciliano? Mi sembra invece, ancora una volta, una scheggia impazzita di cieca burocrazia (anche un po' razzista, perché no?) che evidente imperversa anche nella "perfida... Leggi tutto
18-10-2016 01:04

Ho viaggiato ininterrottamente quasi tutta la vita, trent'anni di sicuro, e non mi è mai capitata una cosa simile. «Oh, you're italian?» «Yes» «Aaah, spaghetti, pizza, mafia, ammore!», questo è il massimo che ti capita. Uno spagnolo non ha la benché minima percezione (né conoscenza) della differenza tra un italiano del Nord e uno del... Leggi tutto
18-10-2016 00:25

bravissimo Paolo, ottimo articolo e sempre puntuale. Comunque anche a me era saltato subito all'occhio quel grossolano errore "napoletan " invece di "neapolitan" .
17-10-2016 08:26

{feuerwehrzufahrt}
C'è il fattore "cattivi inglesi, oltre alla brexit cominciate a discriminare". E' lo stesso fattore per cui il deprezzamento della sterlina e l'esodo di alcune aziende viene vissuto come una vendetta contro l'affronto. Affronto che anche gli italiani vorrebbero fare, ma non hannno coerenza sufficiente... Leggi tutto
16-10-2016 21:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Pensi che i bitcoin possano funzionare come valuta?
Certamente! Ci ho anche investito.
Sì, purché vengano sottoposti a regolamentazione.
Forse in futuro.
No.
Non ho ancora capito che cosa sia un bitcoin esattamente.

Mostra i risultati (1705 voti)
Maggio 2018
Chrome, addio al lucchetto che indica i siti sicuri
Hacker distratti rivelano per sbaglio due falle finora sconosciute
Quasi 30 persone uccise dalle auto ''intelligenti'' senza chiavi
Come attivare la modalità riservata nella nuova Gmail
Google Drive cambia faccia per allinearsi a Gmail
Your Phone, l'app che porta iPhone e smartphone Android sui Pc con Windows 10
Veicolo autonomo di Uber investe e uccide: il software ha deciso di ignorare il pedone
Telegram alle strette rivela il rischio di avere dispositivi chiusi come gli iPhone
Windows 10, tutti i problemi dell'April 2018 Update (e come risolverli)
Sì, Cambridge Analytica ha chiuso. Ma è già rinata
In carcere l'uomo che cercava di allungare la vita ai vecchi Pc
Aprile 2018
Gmail, arriva il restyling: ecco come attivare subito le novità
Assemblea Tim, tutti d'accordo su scorporo rete e riduzione personale
La versione snella di Windows 10, senza sfondi né app superflue
Giornalista accusa: lavorare da Amazon è come essere in prigione
Tutti gli Arretrati


web metrics