Il tetto solare invisibile

Elon Musk ne fa un'altra delle sue.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-11-2016]

tetto solare

Quello che vedete qui a fianco è un tetto ricoperto di pannelli solari fotovoltaici. Dove sono i pannelli? Sono le tegole stesse. Tegole fotovoltaiche che sembrano tegole normali, ma rivestono il tetto e generano energia elettrica. Sono l'ultima trovata di Elon Musk, che le ha presentate il 28 ottobre scorso usando come ambientazione il set di Desperate Housewives.

L'idea, col senno di poi, è banalmente semplice: invece di avere pannelli fotovoltaici sopra il tetto, con un conseguente costo aggiuntivo rispetto al tetto tradizionale e con un impatto estetico spesso intollerabile, l'impianto fotovoltaico sostituisce il rivestimento del tetto, evitando il costo delle tegole normali, e non si vede perché è mimetizzato. Per quel che ne so, Musk non è il primo a proporre qualcosa del genere, ma è il primo a proporlo su vasta scala e con la forza economica di un'azienda internazionale. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
L'auto che si guida da sola... (completa la frase)
ci permetterà di sfruttare il tempo perso guidando, magari in coda.
ci toglierà l'ultimo brandello di privacy.
ci farà viaggiare più sicuri.
ci esporrà a nuovi pericoli, dovuti ai bug o agli attacchi degli hacker.
ci consentirà di ridurre l'inquinamento.
ci priverà dell'autonomia.
sarà accettabile solo se ci permetterà sempre di scegliere la guida manuale.
sarà sicura solo se non permetterà mai la guida manuale.

Mostra i risultati (5765 voti)
Leggi i commenti (10)
Questo dettaglio è puramente estetico, ma ha un'importanza enorme: immaginate per esempio i centri storici d'Italia ricoperti di pannelli fotovoltaici tradizionali, neri e stridenti, e poi immaginateli rivestiti di tegole come queste. Una bruttura che verrebbe vietata da qualunque amministrazione che ha almeno un neurone funzionante diventa un'innovazione discreta e invisibile che converte l'enorme superficie dei tetti delle città in grandi collettori di energia solare, da accumulare in batterie domestiche (le Tesla Powerwall) e usare di notte, anche per ricaricare l'auto elettrica (ovviamente una Tesla). Lo sfruttamento di queste superfici non sostituirà completamente il petrolio, probabilmente, ma potrebbe evitare per esempio di dover costruire nuove centrali elettriche convenzionali per compensare la transizione dal trasporto a combustibili fossili a quello elettrico.

Come fanno i pannelli solari di Tesla a sembrare normali tegole? Il trucco, una volta rivelato, è semplice: hanno una pellicola superiore trasparente nella quale sono annegate verticalmente delle sottili lamine colorate e decorate a piacimento in vari stili. Quando la tegola viene vista dalla strada, si vedono solo le fiancate di queste lamine, per cui si ha l'effetto di una superficie continua decorata; quando si guarda la tegola di piatto, da sopra, le lamine sono invisibili e si vede la cella fotovoltaica, che può essere quindi raggiunta dalla luce.

Musk ha dimostrato molto eloquentemente l'effetto: ecco la tegola fotovoltaica vista dall'alto (come la vede il sole)...

musk 1

...ed ecco la stessa tegola vista di sbieco (come la vedono i passanti):

musk 2

Prestazioni e costi non sono ancora stati annunciati (tranne per il gruppo batterie, che costa 5500 dollari compreso l'inverter, ossia molto meno della concorrenza in termini di costo per kWh e regge 14 kWh in accumulo e 7 kW in erogazione), ma l'idea di base c'è, e uno degli ostacoli non tecnologici ma pratici, ossia l'impatto estetico, sembra risolto. Non sarà ovviamente una soluzione per tutti, ma molte situazioni abitative che prima non avrebbero potuto installare un impianto fotovoltaico per motivi di costo e di permessi municipali ora possono farlo. Per tutti i dettagli c'è il video della presentazione di Elon Musk qui sotto e c'è la sezione apposita del sito di Tesla.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Infatti sono anni che produttori italiani e, forse, non solo italiani presentano tegole con pannelli solari integrati sia in cotto che in materiali plastici, però, come sempre, sarà la potenza di fuoco del marketing a decretare il vincitore della contesa. Con ogni probabilità anche in questo caso Musk porterà a casa il risultato proprio... Leggi tutto
5-11-2016 14:28

{gingle}
A dire la verità, niente di nuovo... sotto il sole. Come scrive anche canarino, le tegole solari esistono da anni, anche se non come queste. La pubblicità è l'anima del commercio, e uno spregiudicato come musk può vendere anche l'acqua calda, previa qualche piccola modifica. La tattica... Leggi tutto
4-11-2016 18:51

Sì le ho viste 5 o 6 anni fa a ZeroEmissionRome, ma non erano "magiche" come queste col pannello a scomparsa... :wink: Leggi tutto
3-11-2016 21:55

C'e' anche il problema della robustezza. Queste tegole reggono il peso dell'antennista (o comunque di chi sale sul tetto per manutenzione)? Leggi tutto
3-11-2016 17:53

Vorrei far presente che alcuni produttori italiani hanno a catalogo già da diverso tempo la tegola in cotto fotovoltaica e il coppo in cotto fotovoltaico. Saluti Leone
3-11-2016 16:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo è l'età in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, è meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (2257 voti)
Luglio 2020
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Tutti gli Arretrati


web metrics