L'alternativa europea a Google

Per creare una reale alternativa a un'eventuale aggregazione Google-Microsoft è necessaria l'iniziativa dell'Unione Europea.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-11-2003]

Sempre più insistenti si stanno facendo le voci di una acquisizione-fusione tra Microsoft - leader mondiale del software e in una posizione di monopolio per i browser in Internet, nonché uno dei maggiori Internet provider negli Usa e in Europa - e Google, che ha acquisito una posizione dominante tra i motori di ricerca più consultati.

Sembrerebbe che per ora Google si limiti alla quotazione in Borsa, con il collocamento delle azioni in Borsa; le trattative più o meno segrete che ci sarebbero state tra Microsoft e Google non avrebbero portato a niente di concreto; ma non è detto che prima o poi a Bill Gates il colpaccio non riesca.

E' presto per dire come verrebbe giudicata dall'Antitrust Usa una fusione del genere; ultimamente, sotto la Presidenza Bush, la posizione anti-Microsoft si è notevolmente ammorbidita in nome dell'interesse nazionale statunitense.

E' probabile che una certa resistenza legale a questo nuovo "Leviatano" sul Web potrebbe venire dall'Antitrust europeo di Mario Monti, che con Microsoft sembrerebbe meno indulgente.

Il problema dell'Europa non è però un problema legale o di nuove barriere; questo lo ha capito uno dei maggiori imprenditori europei di Internet, l'italiano Renato Soru, che ha recentemente proposto il lancio di un motore di ricerca "made in Europa" per rispondere all'egemonia di Google.

Renato Soru stesso, in questo momento, sembra più interessato alla politica nella sua Sardegna che ad assumere, con Tiscali, un'iniziativa europea di grande respiro nel campo dei motori di ricerca; spesso, si rincorrono anche le voci di una cessione di Tiscali a Msn, che farebbe di Microsoft un monopolista europeo anche come Internet Provider.

Chi potrebbe assumersi un compito del genere nel Vecchio Continente, allora? Le vecchie Telco, da Deutsche Telekom a France Telecom e a Telecom Italia, sono alle prese con i problemi dell'indebitamento finanziario per cui tagliano i fondi per la ricerca e l'innovazione, e sono disinteressate ai progetti che non possano prevedere una redditività a breve termine.

Il problema di non lasciare il campo libero agli americani, con o senza Microsoft, diventa però un'emergenza culturale ma anche strategica. Pensiamo allo sviluppo dell'e-commerce e alla sua crescita continua, anche se più lenta di quella che si poteva prevedere qualche anno fa.

La nascita di un "motore di ricerca degli europei" sembrerebbe proprio un terreno d'azione privilegiato per l'Unione Europea, una scelta che potrebbe essere fatta propria dal Presidente della Commissione Europea, il Prof. Romano Prodi, che nelle potenzialità della leva pubblica dell'Europa ha sempre creduto, a supporto e integrazione dell'iniziativa privata, quanto questa latita o è distratta.

Sarebbe un modo per far sentire agli europei, e in particolar modo ai giovani europei, che Bruxelles e Strasburgo non sono luoghi lontani e astratti dalle vere poste in gioco dell'economia globale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

fiele
Google mi spaventa Leggi tutto
4-11-2003 10:54

alternativa europea Leggi tutto
4-11-2003 09:35

Danilo Moi
Condivisibile e auspicabile Leggi tutto
3-11-2003 08:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1429 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics