Uscire dall'emergenza acqua: gli esempi più ingegnosi

La siccità ci fa scoprire straordinarie tecnologie, alcune riadattate da usi antichi, altre più recenti, per risparmiare il bene più prezioso. La soluzione non è per domani mattina, ma occorrono anni di progettazione e di educazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2017]

scarseggia

Il Belpaese si trova di fronte a un problema nuovo: la drammatica scarsità di acqua. Colpa dei cambiamenti climatici, della sovrappopolazione e delle politiche scellerate che non hanno preso quasi mai in considerazione come risparmiare il bene pubblico più prezioso, banalmente chiamato l'oro blu (come se l'oro avesse un'importanza lontanamente paragonabile a quella dell'acqua).

Sui media si stanno scatenando i guru idraulici, che ci spiegano trucchetti vecchi e nuovi per risparmiare acqua. Non intendiamo sottrarci a questo andazzo, e quindi passiamo in rassegna cosa si potrebbe, cosa non si dovrebbe, guardando all'estero, in paesi dove i nostri attuali problemi sono all'ordine del giorno da anni.

Sondaggio
E' buona l'acqua del rubinetto?
Sì. La bevo quasi sempre.
No. Di solito bevo acqua in bottiglia.
Sì, ma di solito bevo acqua in bottiglia.

Mostra i risultati (5504 voti)
Leggi i commenti (44)

Per fare un esempio, buona parte del sud degli Stati Uniti si trova da anni a confrontarsi con il problema dell'acqua, tanto che l'Environmental Protection Agency (l'agenzia statunitense per la protezione ambientale) ha annunciato il finanziamento della ricerca sulla salute umana e ambientale connessa alle pratiche di riutilizzo e di conservazione delle acque."

Questo significa da un lato che gli Stati Uniti prendono dannatamente sul serio il problema dell'acqua, dall'altro, si può leggere tra le righe che molti statunitensi saranno costretti a bersi l'acqua uscita dai depuratori.

Infatti, la California, stato assetato per eccellenza, si muove per prima. Lo State Water Resources Control Board, il consiglio per il controllo delle risorse idriche, ha sancito che, sotto determinate condizioni, è possibile legiferare e adottare regolamenti per l'utilizzo di acqua riciclata come acqua potabile.

Tradotto dal politichese, significa che l'acqua uscita dai depuratori, che oggi per legge deve essere scaricata nel corpo idrico ricettore, potrà essere mescolata all'acqua di falda per alimentare gli acquedotti pubblici. Quando l'acqua scarseggia, turarsi il naso e bere dall'amaro calice.

In questo caso la tecnologia serve a sanificare l'acqua depurata e a stabilire in che misura possa essere mescolata per rispettare le norme statali. C'è da stare relativamente tranquilli, visto che negli USA non sono abituati a fare i giochini italici con le soglie di potabilità.

greywater

La soluzione preferita dai tecnici di tutto il mondo si basa sulle cosiddette "acque grigie". È indubbiamente semplice, anche se molto costosa, e consiste nel creare in ogni casa una condotta per gli scarichi provenienti da vasche da bagno, docce, vasche di lavaggio a mano e lavatrici, separata dalle "acque nere", ovvero quelle in uscita dai WC, che per motivi sanitari non possono essere riutilizzate in casa, e necessitano di un trattamento nei depuratori comunali. Le acque cosiddette grigie possono essere trattate e riutilizzate per riempire le vaschette dei WC, per irrigare il giardino, e altri utilizzi non igienici o alimentari.

Secondo uno studio effettuato da una ONG, riutilizzando le cosiddette acque grigie per il giardinaggio e i sanitari si può risparmiare il 70 per cento di acqua. Lo studio è stato effettuato, guarda caso, nell'assetata regione di Bangalore, India, in un complesso residenziale eco-chic. Questa localizzazione conferma che chi si trova in ristrettezze idriche è portato ad aguzzare l'ingegno.

Tra le tecnologie che vengono proposte per risparmiare l'acqua, ve ne sono alcune che sembrano banali, ma sono estremamente promettenti, come i gocciolatoi di nuova generazione, a energia solare, realizzati dagli ingegneri del MIT, per sostituire non solo la medievale irrigazione a scorrimento (massicciamente utilizzata ancor oggi in Italia) ma anche la moderna e molto più efficiente irrigazione a goccia, portando i sistemi alla portata dell'agricoltura povera. Questi gocciolatoi sono stati appositamente studiati per diminuire i costi di impianto e quelli energetici, favorendo le regioni povere.

water2

Altre tecnologie sono molto più affascinanti, ma per il momento destinate ad applicazioni di nicchia, come il dispositivo che condensa l'acqua anche dall'aria secca, utilizzando solo l'energia del sole. Per il momento sembra solo un efficace eco-gadget per trakker del deserto, ma in futuro potrebbe procurare acqua pulita a popolazioni isolate.

Una nota di merito va senza dubbio all'azienda vinicola californiana (ancora!) Fetzer Vineyards, che ha installato un impianto per trattare tutte le sue acque di processo, utilizzando lombrichi e microrganismi naturali. Nuove tecnologie a servizio di processi naturali, utilizzati dall'uomo fin dall'antichità.

Come si può intuire, nessuno di questi spunti darà la soluzione immediata ai nostri problemi. Occorre progettare con lungimiranza, sapendo che sarà lungo e costoso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'immagine di tutta l'acqua sulla Terra raccolta in una ''goccia'' gigante

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

{pruneda}
Direi che l'emergenza acqua esiste perché non è stato fatto quello che a suo tempo andava fatto. Così come le prossime emergenze: la terra che inaridisce per l'uso di diserbanti, pesticidi e monocolture e per la CO2, e i relativi flussi migratori verso nord (con sconquassi sociali non immaginabili), la... Leggi tutto
1-8-2017 21:16

Sarei molto prudente a fare queste affermazioni, dato che sicuramente l'incremento demografico è sostenuto in quelle aree che già sono a rischio "stress idrico", in questo caso parlare di controllo demografico sconfina nel controllo di razza. Africa, sud-est asiatico, aree rurali della Cina sono quelle più a rischio ma che... Leggi tutto
1-8-2017 08:37

{bidan}
@GipsytheKid: ecco, quello che volevo dire ma che non è pervenuto è che l'italia è un paese dove i regolamenti sono così tanti e malfatti che alla fine si può fare quasi tutto e il suo contrario. Quando usciranno le auto a guida automatica e ti verrà il mal di mare a furia di continue... Leggi tutto
30-7-2017 22:57

Sì, ecco, al netto delle considerazioni gentiste e generaliste, al netto degli aneddoti dei nostri cugggini, sono auspicabili ed urgenti molti interventi (uno su tutti mi sovviene: smettere di usare l'acqua potabile per lo sciacquone), ma accompagnati da una regolamentazione rigidamente applicata. Leggi tutto
29-7-2017 10:51

Quoto "{lana} Ospite" Se anche riuscissimo istantaneamente a dimezzare il consumo procapite, al tasso attuale di cresita della popolazione ci ritroveremmo allo stesso punto in meno di 20 anni. Senza controllo demografico qualsiasi comportamente ecologico/risparmioso sarebbe quindi controproducente. (come disse Jevons)
28-7-2017 23:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (308 voti)
Ottobre 2017
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics