Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore

''Adesso è tutto a posto'' rassicura il gigante, senza però fornire dettagli.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-11-2018]

amazon nomi indirizzi rivelati

Alla vigilia del Black Friday, il giorno di acquisti frenetici che anche in Italia ha preso piede, importato dagli Stati Uniti, Amazon è incappata in una gaffe che potrebbe nascondere un problema di sicurezza la cui serietà al momento non è ben chiara.

Nella giornata di mercoledì 21 diversi utenti di Amazon si sono visti recapitare un'email in cui si diceva che, a causa di un «errore tecnico», i loro nomi e indirizzi email erano stati «rivelati».

Chi abbia avuto accesso a quei dati, o per quanto tempo, non è dato sapere né, se è per questo, non si sa nemmeno quanti siano stati gli utenti coinvolti nel problema: Amazon è stata molto avara di dettagli, limitandosi ad affermare che la causa di tutto ciò è stata ora risolta.

Il messaggio si premura di sottolineare come non sia necessario cambiare la password (operazione comune quando si verifica una violazione dei dati degli iscritti a un servizio), e ciò dovrebbe rassicurare gli acquirenti del più grande negozio al mondo: nessuna informazione sensibile, indirizzo email a parte, dovrebbe essere finita in mani sbagliate.

In un secondo tempo, poi, un portavoce di Amazon ha fatto appena un po' più di luce sulla faccenda, spiegando che il problema non era legato a una violazione del sito o dei sistemi ma è stato causato da un semplice «errore tecnico». L'email sarebbe stata spedita soltanto per correttezza, anche se conseguenze reali non ci sono state.

Sondaggio
Stai creando un nuovo account su un sito. Come sarà la tua password?
Ho una sola password per tutti i miei account
Ho varie password che uso a rotazione quando devo creare un nuovo account
Ho un template per le password che modifico per ogni account
Creo una nuova password, assicurandomi che sia robusta

Mostra i risultati (1285 voti)
Leggi i commenti (12)

Lascia comunque un po' perplessi la reticenza di Amazon nello spiegare per filo e per segno che cosa sia successo: dato che si è spinta a informare gli utenti che "qualcosa" è capitato, avrebbe anche potuto fornire informazioni più dettagliate, anche perché è proprio la mancanza di chiarezza a far sorgere i sospetti peggiori.

Per il momento, in ogni caso, non possiamo fare altro che fidarci delle parole di Amazon e confidare che l'incidente sia davvero stato limitato e tutto sommato quasi innocuo.

Non è comunque una idea malvagia cogliere l'occasione di quanto accaduto per prendere qualche buona abitudine, come utilizzare un indirizzo email separato per l'account Amazon, o servizi analoghi: in questo modo, quand'anche esso venisse rivelato, si limitano le possibilità di un eventuale attacco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Il brevetto di Amazon che mette in gabbia i lavoratori dei magazzini
Big Brother Awards 2018: da Google ad Amazon, tutte le peggiori minacce per la privacy
Giornalista accusa: lavorare da Amazon è come essere in prigione
Amazon brevetta il guinzaglio elettronico che indica la posizione dei dipendenti
Black Friday, scioperano i lavoratori di Amazon Italia

Commenti all'articolo (5)

Assolutamente d'accordo, un atteggiamento così poco trasparente non depone certo a tranquillizzare maggiormente gli utenti ma sembra essere una costante per Amazon quando viene coinvolta in faccende negative o potenzialmente tali. Leggi tutto
27-11-2018 19:25

{botulo}
I nostri discorsi sono collocati su due piani differenti e quindi non posso certo darti torto, perché sul piano che tu prendi in considerazione le cose stanno così. Sul piano che prendo in considerazione io, Amazon produce povertà, insieme a tutte le altre multinazionali nei vari settori: qualche ricerca su Internet... Leggi tutto
27-11-2018 10:32

Il fatto che con Amazon posso acquistare con maggiore comodità e spesso in meno tempo, con delle garanzie di rimborso che i negozi fisici fanno fatica a fornire, eccetera... dice che Amazon produce qualcosa. Dire che Amazon non produce niente è come dire, che so, che una banca non produce nulla poiché potresti tenerti i contanti in... Leggi tutto
26-11-2018 18:21

{Gabriele}
Ma....siamo sicuri che siano tutti SBAGLI??????? Mi viene il dubbio che questi sbagli siano VOLUTI!!! A Voi non sembra?
26-11-2018 13:55

{botulo}
E' tutto a posto, ritornate a farvi spennare da noi, intermediari parassiti che non produciamo nulla ma guadagnamo da voi e dai vostri fornitori.
23-11-2018 14:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (336 voti)
Febbraio 2019
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Tutti gli Arretrati


web metrics