93 imprese italiane su 100 vittima di violazioni informatiche

Il ransomware è la principale causa di violazioni riuscite, seguito dagli attacchi di phishing.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-10-2019]

cyber hacker

Secondo un'indagine condotta interpellando 250 Chief Information Officer (CIO), Chief Technology Officer (CTO) e Chief Information Security Officer (CISO) di tutta Italia, lo scenario delle minacce informatiche è soggetto a una rapida continua evoluzione a fronte di attacchi sempre più sofisticati e complessi.

Ecco i principali risultati dell'indagine italiana emersi dalle risposte delle imprese interpellate:

- il 93% delle imprese italiane ha affermato di aver subito una violazione dei dati negli ultimi 12 mesi
- l'89% delle imprese italiane ha riferito un aumento degli attacchi informatici negli ultimi 12 mesi
- il 90% delle aziende italiane ha dichiarato che gli attacchi informatici sono diventati più sofisticati
- l'89% delle imprese italiane nutre preoccupazioni per i progetti di trasformazione digitale e il 5G
- l'84% delle aziende italiane nutre una maggiore fiducia nella propria capacità di respingere gli attacchi informatici rispetto a 12 mesi fa
- il 93% delle imprese italiane ha affermato che il threat hunting ha consentito di migliorare le difese
- il 96% delle imprese italiane ha dichiarato di avere in programma un aumento del budget per la sicurezza

L'indagine è stata condotta da Carbon Black, azienda che propone soluzioni cloud-native per la protezione degli endpoint nativi del cloud, che ha esposto i risultati del suo secondo rapporto sulle minacce informatiche in Italia. Secondo questo rapporto, il 93% delle imprese italiane interpellate ha subito delle violazioni negli ultimi 12 mesi; fra queste, il 43% ha registrato da 3 a 10 violazioni.

Fra le aziende italiane partecipanti all'indagine, il ransomware è risultato la principale causa di violazioni riuscite, seguito dagli attacchi di phishing, a indicare che gli autori delle minacce stanno prendendo di mira l'anello più debole della catena di sicurezza: gli utenti finali.

Il 56% delle imprese italiane interpellate ha riscontrato un certo grado di danno finanziario associato alle violazioni, mentre il 6,5% ha dichiarato che il danno è stato di grave entità. Per contro, il 68% ha dichiarato di aver subito un danno alla propria reputazione aziendale. Il danno alla reputazione è stato maggiormente avvertito nel settore dei servizi finanziari, con l'82% degli intervistati che ha riferito un impatto negativo.

Le imprese italiane partecipanti all'indagine hanno riferito di avere maggiore fiducia nella propria capacità di respingere gli attacchi informatici rispetto a 12 mesi fa. Il 54% ha dichiarato di essere un po' più fiducioso, mentre il 29,5% ha affermato di sentirsi molto più fiducioso.

Il 93% delle imprese italiane interpellate hanno riferito di aver rafforzato la propria difesa attraverso il threat hunting. L'87% ha trovato prove di attività di attacchi informatici dannosi durante l'esecuzione dei processi di threat hunting. Il riconoscimento dei vantaggi derivanti dagli investimenti nella sicurezza informatica è ulteriormente supportato dal fatto che il 96% delle imprese italiane ha dichiarato di voler aumentare i budget per la sicurezza informatica nei prossimi 12 mesi.

Alla domanda sugli aspetti di sicurezza relativa all'implementazione e alla gestione dei programmi di trasformazione digitale e all'implementazione del 5G, l'89% delle aziende italiane intervistate ha dichiarato di nutrire timori. Il 32% degli intervistati ritiene possano crearsi più opportunità per l'attività di attacchi informatici, mentre il 29% intravede il rischio di nuovi metodi più efficaci e distruttivi di criminalità informatica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Basta insttallare Qubes-OS sulla macchina che usa la segretaria e insegnarle ad aprire gli allegati delle e-mail con la funzione "Disposable-VM". https://blog.invisiblethings.org/2010/06/01/disposable-vms.html "A disposable VM is an ideal solution here. You create a clean, disposable VM, just for the purpose of viewing... Leggi tutto
4-10-2019 01:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hanno suscitato polemiche in Abruzzo alcuni manifesti pubblicitari con una ragazza in bikini e la scritta: "La diamo a tutti... l'Adsl dove non c'è". Alcuni hanno proposto di farli rimuovere perché lesivi della dignità della donna. Cosa ne pensi?
Sono contrario al ritiro dei manifesti perché sono incisivi e divertenti.
Li trovo volgari ma non credo che si possano proibire.
Bisogna farli rimuovere perché sono vergognosi.
Non penso che aumenteranno gli abbonamenti Adsl, anzi...
Altri gestori hanno fatto di peggio.

Mostra i risultati (3460 voti)
Dicembre 2019
Arriva in Italia la sala cinematografica ScreenX con visione a 270 gradi
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Tutti gli Arretrati


web metrics