Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-10-2019]

ios dark mode

L'introduzione di una modalità scura (dark mode) negli ultimi tempi sta invadendo ogni ramo della tecnologia: è apparsa in Windows, in macOS, in svariate app per smartphone e nel recente iOS 13, dove è stata presentata come una delle novità principali.

Resta però una domanda: ma questa modalità serve davvero? A parte la possibilità che uno schermo meno luminoso causi agli occhi un affaticamento inferiore, ci sono altri benefici?

Un test condotto da PhoneBuff (che riportiamo, in forma di video, al fondo dell'articolo) sembra rispondere definitivamente di sì, almeno per quanto riguarda gli iPhone.

Grazie a un piccolo robot due identifici iPhone XS dotati di iOS 13 sono stati messi a confronto: su entrambi sono stati eseguite le medesime operazioni, come la riproduzione di video su YouTube, la navigazione in Google Maps, l'uso di Twitter.

Una sola differenza distingueva l'uno dall'altro: il primo usava la modalità normale; l'altro quella scura.

Il test è andato avanti fino a che la batteria di uno dei due ha ceduto, decretando il vincitore: quando l'iPhone XS in modalità normale era ormai completamente scarico, il gemello che usava la modalità scura aveva ancora il 30% di autonomia.

Pare quindi esserci una reale motivazione per adottare il dark mode, soprattutto se si fa un uso intenso dello smartphone e capita di trovarsi a fine giornata con la batteria ormai esaurita.

D'altra parte, è bene ricordare che quello condotto da PhoneBuff è un test singolo, condotto peraltro alla relativamente brillante luminosità di 200 nit: l'esperienza di ciascuno potrebbe dunque essere un po' diversa.

Infine, è anche utile tenere presente che il beneficio prodotto dall'uso della modalità scura è maggiore se lo smartphone ha uno schermo OLED, piuttosto che un normale LCD: nel primo caso, infatti, i pixel neri sono completamente spenti e non consumano energia, mentre nel secondo un minimo di luce viene comunque emessa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
WhatsApp, arriva la modalità per risparmiare la batteria
The New Facebook, il social network cambia pelle

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

@jumpjack Direi proprio che sia come ipotizzi.
1-12-2019 16:39

Sbaglio o per i vecchi LCD il consumo di un pixel acceso o spento Ŕ esattamente lo stesso? Non vengono "accesi" o "spenti", la retroilluminazione Ŕ sempre accesa, viene solo cambiata la polarizzazione dei cristalli in modo da essere in fase o in controfase col foglio polarizzato che li ricopre. Quindi il risparmio si... Leggi tutto
26-11-2019 13:37

A prescindere dal fatto che consumi meno oppure no - un confronto eseguito tramite una sola prova fra due dispositivi direi che non abbia una gran valenza statistica - personalmente, con il dark mode non mi trovo a mio agio per cui preferisco la modalitÓ di visualizzazione standard. In ogni caso che ci siano pi¨ opzioni che ognuno pu˛... Leggi tutto
26-10-2019 15:16

Tralasciando i paragoni del tutto impropri tra schermi catodici e schermi lcd, Ŕ inopinabile che, sui moderni display, caratteri chiari (preferibilmente tendenti al bianco) su sfondo scuro (preferibilmente tendente al nero) sono riposanti per la vista e altrettanto chiaramente leggibili. Poi se si paragona un videoterminale degli... Leggi tutto
24-10-2019 10:09

Vorrei capire chi impone cosa, Ŕ una scelta, o lo tieni come prima o metti l a nera. Poi non so se effettivamente consumi di meno, certo mi trovo molto meglio io personalmente. Tutti sti discorsi sulla moda non li capisco proprio, una volta tanto che ognuno pu˛ scegliere come meglio crede. Non va mai bene niente
23-10-2019 10:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se Internet potesse migliorare la tua vita, che cosa vorresti?
Conoscere amici e comunicare
Risparmiare sugli acquisti
Innamorarti
Guadagnare tanti soldi
Imparare (lingue, culture, cucinare, suonare, ecc.)
Lavorare di meno
Altro

Mostra i risultati (3391 voti)
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Rinunciare allo smartphone
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 31 luglio


web metrics