Virus, i vecchi trucchi restano i più efficaci

Dopo anni di prediche e raccomandazioni, gli utenti continuano ad abboccare a virus basati su espedienti elementari. Colpevole omissione dei mezzi d'informazione



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-04-2005]

foto di John Pring

Sfogliando la top ten dei virus più diffusi a marzo 2005 pubblicata da Sophos c'è da farsi prendere da una crisi di sconforto. Oltre il 65% delle infezioni è causato da due soli virus, Zafi e Netsky, entrambi basati sullo stesso banalissimo espediente: indurre la vittima ad aprire un allegato eseguibile.

Questo è uno dei trucchi più vecchi del repertorio virale, in giro da anni, eppure ci sono orde di utenti che ci cascano ancora. Come mai? Fra gli addetti ai lavori è diffusa l'opinione che sia tutta colpa dell'utente, ritenuto troppo stupido per capire un'istruzione semplice come "non aprire gli allegati di origine ignota, installa un antivirus, tienilo aggiornato e usalo su tutto quello che ricevi".

Chi, come me e tanti altri, scrive da anni di questi problemi e cerca di far sapere come ci si può difendere da questi aggressori informatici trova particolarmente frustrante statistiche come queste. Sembrano indicare che tutta la fatica divulgativa sia assolutamente inutile e che il problema, come dice un mio amico (spesso precettato per fare assistenza agli infetti), è facile da localizzare: si trova fra la sedia e il computer. Fine della storia.

Ma forse non è proprio così. Certo, una percentuale di gente assolutamente refrattaria al buon senso esiste, come dimostrato anche fuori dall'ambito informatico dai Darwin Awards, ma siamo sicuri che il problema virus derivi soltanto da questo?

Me lo chiedo perché mi capita spesso di aiutare parenti, amici e colleghi, gente normalmente più che dotata di buon senso, a disinfestare PC contenenti ogni sorta di spyware, virus, worm, trojan e altre delizie. Quando spiego come si sono infettati, la risposta più ricorrente è "ma io non sapevo che potesse succedere". Il buon senso non può far nullla se non poggia sulla conoscenza.

E questo mi ha fatto riflettere. Dove vengono pubblicati gli avvisi antivirus? Su Internet, nei siti appositi. E dove se ne parla in termini semplici? Sempre su Internet, in siti dedicati all'informatica come quello che state leggendo. Siti frequentati da appassionati d'informatica, ma non dagli utenti comuni.

In altre parole, il messaggio, per quanto semplice, non raggiunge mai il vero destinatario. Non si può pretendere che tutti gli utenti di computer si leggano riviste o siti specialistici: la maggior parte della gente usa il computer per fare qualcosa, per esempio lavorare, non come oggetto fine a se stesso come fanno molti informatici, per cui non trova interessanti le fonti d'informazioni specialistiche.

Ed è qui, secondo me, il nocciolo del problema. Ci stiamo sgolando a parlare di virus a un pubblico che già li conosce, mentre chi non li conosce (ed è quindi più vulnerabile) non può sentirci. Stampa e TV, i canali che davvero possono arrivare a diffondere capillarmente l'informazione informatica a chi ne ha più bisogno, non se ne occupano seriamente. Oppure la relegano anche loro in programmi specialistici.

Nossignore: un attacco virale è notizia da telegiornale. Quando un virus arriva a paralizzare le Poste peggio di un attacco terroristico, non è più una semplice curiosità per appassionati. Ormai praticamente tutti hanno un computer in casa e/o in ufficio: non è più un oggetto elitario di limitato interesse. Sapere come funziona, e quali sono i rischi che comporta, è una necessità quotidiana e importante quanto sapere che infilare le dita nella presa di corrente fa male. Ma nonostante questo, verso l'informatica rimane una sorta di pudore giornalistico. Si fa finta che non esista, che sia roba per smanettoni. Perché?

A mio avviso ci sono due ragioni fondamentali. Una è l'incompetenza informatica di molti giornalisti, che li induce a non occuparsi del problema per timore di dire stupidaggini (Panerai docet). Ma il compito del giornalista vero (al quale fra l'altro nessuno chiede di essere un tuttologo) è fare da tramite fra il lettore e l'esperto e presentare in termini onesti, semplici e comprensibili ciò che l'esperto spesso dispensa in pillole indigeste (e in questo senso gli informatici devono assumersi la propria abbondante dose di responsabilità).

Così come il giornalista contatta l'esperto d'automobili per saperne di più sull'olio di colza al posto del gasolio, il giornalista potrebbe contattare gli esperti d'informatica per farsi dare una spiegazione da distillare per il pubblico dei non addetti. Invece non lo fa: contatta di solito Microsoft, che difficilmente darà, per ovvie ragioni aziendali, un quadro completo della situazione e non proporrà soluzioni alternative che non usino i suoi prodotti.

Perché il giornalista si comporta così? Perché qui entra in gioco la seconda ragione.

Spiegare in parole semplici il funzionamento di un virus richiede la precisazione di una verità scomoda: i virus colpiscono soltanto Windows. E Microsoft è un potente inserzionista pubblicitario.

Certo, è tecnicamente possibile creare virus o worm anche per altri sistemi operativi, ma in pratica non succede. E' molto più difficile, e non occorre tirare in ballo la scusa stantia che gli utenti Apple o Linux sono pochi: Apple, per esempio, ne ha circa 25 milioni. Rimane il fatto che per fare informazione corretta, sarebbe necessario specificare sempre che "il virus XY colpisce i sistemi Windows ma non ha effetto su chi usa Mac o Linux". Ripetuta infinite volte, questa non diventa più semplice informazione: per Microsoft diventa pubblicità sgradita alla concorrenza. Per cui non si dice.

Fateci caso: in quanti articoli dei media generalisti sentite questa precisazione? Avete notato che si parla sempre di virus come se avessero una portata universale? Come se non esistesse nulla al di fuori di Windows e che l'unico rimedio possibile fosse l'antivirus, meglio se a pagamento?

In sostanza, i pochi articoli informatici che escono sui giornali sono imbavagliati, volontariamente o involontariamente. Chi avrebbe l'occasione e il diritto-dovere di informare il pubblico non lo fa. Ecco perché i virus più banali continuano a prosperare.

Non c'è nessun giornalista, al di fuori delle testate specialistiche, che se la senta di dire le cose come stanno? Dobbiamo aspettare come al solito l'ostracizzato Beppe Grillo per darci la sveglia e dire che se volete vivere senza l'ansia dei virus e degli aggiornamenti che vi scassano il computer, potete anche comperare Apple o installare Linux?

Prima che me lo chiediate: non ho preso soldi da Apple per scrivere quest'articolo. Ho ascoltato gli amici, fatto le mie ricerche, e quasi un anno fa ho abbandonato Windows in favore di un Mac. Pagato di tasca mia, senza sconti di sponsor. Sono così soddisfatto che non tornerò mai più indietro; anzi, sto per comperarne un altro. E non sono il solo: nell'ultimo trimestre, le vendite di computer Apple sono salite del 43% rispetto a un anno fa. Pensateci.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

Gianfranco
non fate i sempliciotti Leggi tutto
19-8-2005 11:57

Alfio Lago
Virus e utenti Leggi tutto
4-5-2005 17:19

Ugo
Nuovi trucchi Leggi tutto
28-4-2005 11:26

Mabiba
Virus ecc.... Leggi tutto
27-4-2005 17:11

marco cavicchioli
microsoft Leggi tutto
27-4-2005 10:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3671 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics