Microsoft cerca di acquisire Doubleclick

Ma dell'azienda che fu leader nella raccolta e sfruttamento dei dati personali rimane oggi ben poco.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-03-2007]

dolcetto

Secondo il Wall Street Journal, Microsoft sarebbe assai avanti nella trattativa per l'acquisizione di Doubleclick, multinazionale specializzata nella raccolta di pubblicità su Internet; la richiesta -si parla di 2 miliardi di dollari- sembra tuttavia esagerata rispetto al giro d'affari dell'azienda, che ha chiuso l'anno 2006 con un giro d'affari di "solo" 150 milioni di dollari.

Con evidenza zio Bill e soci si rendono conto che, per quanto riguarda la pubblicità online, i rivali Google e Yahoo in confronto sono dei marziani: l'acquisto al di là della cifra spesa si rivelerebbe strategicamente importante dal punto di vista commerciale piuttosto che tecnologico, perché l'azienda sarebbe particolarmente ben introdotta sui mercati europei e asiatici.

Qualcuno si potrebbe chiedere come mai la scelta sia ricaduta su Doubleclick anziché su qualcun altro. La scheda anagrafica è breve. La ditta offre agli inserzionisti report di accesso ai siti web e alle pagine pubblicitarie; nata nel 1996 ha avuto un grandissimo sviluppo fino al 2000, quando dovette subire le conseguenze dello scoppio della "bolla" di internet.

Acquistata nel 2005 dai gestori di fondi d'investimento Hellman & Friedman per 1,1 miliardi di dollari, ha successivamente venduto la divisione di email marketing per circa 90 milioni di dollari; a dicembre ha alienato anche la divisione Abacus per la gestione e analisi dei dati per circa 435 milioni di dollari al gruppo Alliance data System.

Il certificato di buona condotta è pure conciso, ma assai rivelatore. La divisione Abacus era stata formata nel '99 a seguito dell'acquisto della "Abacus Direct Corporation" azienda specializzata nell'acquisire, analizzare e rivendere i dati personali dei consumatori raccolti principalmente dai database delle transazioni commerciali presso le aziende.

Parliamo, tanto per capirci, non solo di macrodati ma anche e soprattutto di dati "personali" e talvolta anche "sensibili" o che diventano tali con un semplice incrocio dei dati; si stima che al momento dell'acquisto Abacus detenesse dati relativi a circa il 90% delle famiglie americane.

Anche per mezzo delle sue associate IAF.net e NetDeals.com, Doubleclick pubblicizzava la propria capacità di associare i "contenuti identificabili" con i contenuti "non identificabili" nei profili che raccoglieva, grazie ai cookie piazzati nei computer dei navigatori del web.

In seguito a ciò, Doubleclick è stata inquisita dalla magistratura Usa e, per fronteggiare le preoccupazioni dell'utenza internet, i responsabili dell'azienda rispondevano di aver adottato i principi di autoregolamentazione della Network Advertising Initiative approvati dalla Commissione Federale per il Commercio: secondo tali principi, i dati sensibili, compresi i codici assicurativi, non debbono essere adoperati per l'individuazione delle preferenze telematiche "a fini commerciali". Inoltre senza il consenso dei consumatori interessati resta esclusa la fusione dei dati contenenti informazioni personali identificabili.

Riassumendo: Doubleclick ha già venduto la divisione di rilevamento e aggregazione dati Abacus e anche quella di email marketing, vale a dire quella di sfruttamento dei dati raccolti; inoltre stando al codice di autoregolamentazione nessuno potrebbe usare a fini commerciali i dati personali e sensibili di cui è in possesso.

Allora Microsoft spenderebbe due miliardi di dollari per acquistare una "scorza" vuota, un cannolo senza il ripieno? La risposta sta proprio davanti ai nostri occhi; anzi, proprio nel computer. Dolcetto o scherzetto? Ognuno si gratti i cookie suoi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

...per una cifra di oltre 3 miliardi di dollari :shock: Leggi tutto
18-4-2007 19:34

Doubleclick Leggi tutto
16-4-2007 09:32

Ehmmm.... quella roba sul presunto dolcetto Ŕ proprio quel che sembra o Ŕ invece roba che si mangia? ;-)
31-3-2007 00:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessitÓ.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte Ŕ bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3374 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics