Protezionismo nelle Telco? Ma ci faccia il piacere

Secondo la commissaria Ue Reding, in Italia vi sono rischi di protezionismo nelle Telco. L'accusa è però senza fondamento, i nostri problemi sono altri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-04-2007]

La commissaria dell'Unione Europea Viviane Reding afferma che in Italia vi siano troppe pressioni protezionistiche nel settore delle Telco e invita la Commissione Europea a vigilare.

Si tratta di una critica assolutamente priva di fondamento: il governo Prodi, attraverso l'Enel controllato dallo stesso governo, ha venduto un anno fa il terzo gestore mobile del Paese, uno dei più importanti nella telefonia fissa e come Internet provider, agli egiziani di Orascom.

Lo Stato svizzero, attraverso un'Opa regolarmente lanciata e non con scatole cinesi, come avrebbe voluto fare At&T con Telecom Italia, acquisterà una delle più importanti compagnie telefoniche: Fastweb.

Il secondo gestore mobile italiano Vodafone è interamente inglese; il gestore che ha più abbonati nell'Umts (più di sei milioni) e ha realizzato investimenti per più di diecimila miliardi di vecchie lire è H3G, controllato dai cinesi di Hong Kong.

Albacom, la società telefonica fondata da Italgas e Mediaset, ora è inglese: addirittura il nome è diventato quello di British Telecom (BT Italia), ha assorbito Atlanet che era stata costituita dalla Fiat, e sta per diventare un operatore mobile virtuale. Già oggi il mercato della telefonia mobile italiano, il più redditizio d'Europa e con la maggiore diffusione nella popolazione, è controllato a maggioranza da gestori mobili non italiani.

In compenso, mentre si accusa il governo italiano di interventismo nelle Telco, l'ambasciatore Usa interviene direttamente sulla questione per prendere le parti di At&T, mentre Viviane Reding dimentica che negli Usa nessun gestore europeo potrebbe possedere un'emittente Tv e in Bolivia il governo nazionalizza le Tlc possedute, guarda caso, da Telecom Italia.

Da un commissario europeo sarebbe da pretendere un maggiore impegno per la reciprocità: se le aziende extraeuropee possono venire in Europa nelle Telco, anche le aziende europee dovrebbero poter fare altrettanto.

L'ambasciatore americano Spogli potrebbe spiegarci come mai, alla fine, il governo iracheno è stato costretto dal governo Usa a scegliere per la licenza della telefonia mobile in Iraq proprio una compagnia statunitense escludendo italiani e tedeschi, mentre Telecom Italia e Pirelli hanno subito molte indebite pressioni e ricatti perché abbandonassero gli investimenti nelle Telco cubane?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (4)

{Giambattista}
La commissaria Ue Viviane Reding dimostra sensibilità, attenzione ed acume degne dei politici italiani. Ma chi ce l'ha messa? I nostri emigrati?
20-4-2007 09:40

:shock: Che c'entra? Leggi tutto
20-4-2007 09:31

{floriano}
ma in iraq almeno hanno messo il gsm? oppure il cdma ameriacano?
19-4-2007 16:46

Protezionismo ecc. Leggi tutto
19-4-2007 12:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2434 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics