Ask, un piccolo motore intelligente

Per chi si chiama fuori dalla logica dei massimi fornitori di contenuti, un motore di ricerca non nuovo ma semplificato nella veste grafica e rinnovato nelle funzioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-06-2007]

Ask

Ask è un nome storico per l'informatica e più d'uno ricorderà forse un programma che, prima dell'avvento di internet e dei suoi motori di ricerca, permetteva di indicizzare stringhe alfanumeriche all'interno di un testo ed anche di relazionarle tra di loro.

Forse si tratta di una resurrezione, forse è invece soltanto una coincidenza, fatto sta che c'è -ed è una bella novità- un nuovo motore di ricerca, snello e abbastanza "intelligente" da affinare i criteri di ricerca invece di proporre un ventaglio di soluzioni tra cui l'utente possa vagare alla ricerca di quanto fa al suo caso.

Ask.com, già da tempo sul mercato come motore di ricerca, ha appena migliorato le routine del programma; cosa che gli permette di integrare le richieste relative a immagini, video e altro con alcune informazioni in qualche modo collegate, in modo da fronteggiare meglio la domanda crescente degli utenti che trovano troppo limitativo il semplice formato testo.

Google in verità ha avanzato gli stessi propositi, ma sono almeno in parte di là da venire. E poi di questi tempi il gigante di Mountain View non gode di buona stampa, specie da quando è sospettato di filtrare notizie e siti a seconda degli umori dei politici di casa. Inoltre è accusato di conservare troppo a lungo e per fini non del tutto chiari il database degli utenti.

Ask espone i risultati su tre finestre, aperte ovviamente da un provvedimento brevettato. Morph sta nel cuore del sistema ed è il programma che studia la richiesta, ne analizza i contenuti espliciti e impliciti e decide a quale categoria di interessi si possa proporre una soluzione. Le tre finestre servono rispettivamente a presentare il risultato della ricerca, a proporre una o più immagini relative o video e altre soluzioni esplicative.

Secondo Jim Lanzone, direttore generale di Ask.com, la soluzione proposta dal suo gruppo equivale a effettuare la ricerca su una decina di motori alla volta, avendo a disposizione un intelligente decisionale che vada a scegliere la risposta più pertinente. Il sistema tende a favorire la gerarchizzazione della ricerca stessa senza andare a scomodare il linguaggio booleano.

Peccato che -almeno per ora- il nuovo motore di ricerca funzioni soltanto negli Stati Uniti, tuttavia le varie versioni nazionalizzate non si faranno attendere. Sempre più utenti manifestano l'intenzione di abbandonare Google e le sue troppe comodità; pur se ultimamente i suoi dirigenti hanno promesso all'Ue di restringere la conservazione dei dati personali a "soli" 18 mesi anziché 24, il che certo non risolve il problema nonostante gli "apprezzamenti" appena espressi da Bruxelles.


Un simpatico spot di Ask.com

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Per il momento preferisco Google, in quanto permette di fare ricerche Pi¨ Mirate... ad esempio, se voglio sapere cosa significa una parola usata nel gergo informatico, cerco su google: Define:parola e lui mi dÓ la definizione che trova su internet. POi ci sono le altre parole chiave come filetype:rar (cerca files di formato RAR)..ecc ... Leggi tutto
14-6-2007 23:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai per entrare in un sito di home banking (ad esempio, Money Bank). Quale tra questi indirizzi Internet ti sembra sicuro?
http://MoneyBank.com
https://MoneyBank.com
https://MoneyBamk.com
https://MoneyBank.xyz.com
Non uso siti di home banking

Mostra i risultati (3211 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics