Spreco ecologico a danno delle cozze

Il Comune di Palermo mette all'asta 88 Fiat Seicento elettriche dopo appena 6 anni di non uso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-06-2007]

cozze

Acquistate "per abbattere il tasso d'inquinamento atmosferico in città" con fondi comunitari e "in via sperimentale" nel 1998 alla modica cifra di oltre 38 milioni e mezzo delle vecchie lire (cadauna) dall'allora giunta Orlando, vennero affidate soprattutto ai dipendenti comunali.

Questi evidentemente avevano un po' di commissioni da sbrigare, in Palermo, com'è ovvio, perché con un'auto elettrica di quella forza spingersi anche solo fino a Monreale sarebbe stato un azzardo improponibile .

Quante commissioni, e per conto di chi, ovviamente oggi non è dato sapere; anche perché -cessato il contratto di manutenzione con la Fiat dopo un paio d'anni dall'acquisto- le spese per le riparazioni da effettuarsi in Campania risultarono troppo gravose.

Inoltre le 600 erano andate fuori produzione già dal 2002. Completamente inutilizzate dal 2005, vengono oggi messe all'asta praticamente "a peso", cioè a circa 100 euro ognuna.

La cosa scandalosa non è tanto il prezzo unitario pagato per l'acquisto di un mezzo prossimo a uscire di produzione, né la spesa per la manuntenzione da effettuarsi fuori regione e neppure che siano state affidate ai dipendenti anziché tenute a disposizione per l'uso contingente; sono cose con cui ci "siamo abituati a convivere", come autorevolmente detto da qualcuno in tempi non troppo lontani.

Il vero scandalo, o meglio lo scandalo nello scandalo, è che l'amministrazione comunale dopo aver acquistato a caro prezzo un mezzo obsoleto per non inquinare, abbia a suo tempo contribuito al generale inquinamento atmosferico concedendo un mezzo in uso per fini presumibilmente non pubblici.

Come ciliegina sulla torta, oggi il Comune vende il tutto a peso, senza aver prima provveduto a un rigoroso controllato smaltimento delle velenosissime batterie in dotazione alle vetture.

Vuol dire che i turisti prossimi venturi potranno godere il paesaggio dello Stretto senza l'ombra incombente del ponte e gustando per sovrappiù le cozze saporite di Ganzirri. E pazienza se oltre al solito mercurio stavolta ci sarà anche un po' di piombo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

.Paola Villani.
progetto europeo Zeus (1998) Leggi tutto
22-6-2007 11:11

{Giambattista}
Crozze non cozze Leggi tutto
20-6-2007 08:49

{Daniele}
meglio per Agenda 21 Leggi tutto
20-6-2007 02:30

però mica male 100 euro .... peccato sono lontano da palermo :) ma quanto costa sostituire le batterie?!? così tanto da metterle all asta??:o
19-6-2007 20:32

{Giorgio Luly}
Solo per la cronaca Leggi tutto
19-6-2007 12:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1864 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics