Da Jeanne d'Arc al p2p, storie d'indegnità giuridiche

Sentenze indegne e roghi virtuali segnano il cammino di chi tutela gli interessi economici dei più forti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-06-2007]

rogo

La legge Urbani, la Ipred2 e compagnia non piacciono. Non solo perché sono in qualche modo limitative degli scambi culturali, ma anche e soprattutto perché pare chiaro che i politici si siano fatti e tuttora si facciano abbindolare dalle proteste delle major e delle loro organizzazioni, volte a perpetuare privilegi di sapore -e sostanza- medievali.

Sono però leggi dello Stato o infranazionali, e vanno rispettate anche quando non piacciono. Fortunatamente siamo ancora in democrazia: proteste e commenti sono ancora legittimi, almeno per un po', e magari possono servire a riportare certi valori di fondo all'attenzione di qualche coscienza sopita, nella speranza che se ne ricordi al momento del voto.

La vicenda è ormai abbastanza nota e ripresa anche su queste colonne, tuttavia ora è stata depositata la motivazione della sentenza con cui il Tribunale di seconda istanza di Parigi ha condannato due incauti naviganti, assolti in primo grado, che scambiavano contenuti protetti dalla legge che tutela il diritto d'autore.

La legislazione francese in merito è anche più repressiva di quella italiana e i tribunali di quella nazione, checché se ne dica, sono in larga misura soggetti alla volontà politica; perciò, fatte le debite proporzioni, il paragone con avvenimenti d'altri tempi e d'altra portata non è del tutto insostenibile o infondato.

Il procedimento giudiziario, iniziato a seguito di indagini svolte da agenzie private, in sostanza è stato ritenuto legittimo in base a ragionamenti del tutto speciosi.

Una prima argomentazione era volta a confermare che l'indirizzo Ip non consente di identificare le persone che hanno utilizzato il computer per connettersi a Internet, e che la legge riserva alla magistratura tale esclusiva facoltà.

Il tribunale afferma che tuttavia gli investigatori non hanno violato alcuna norma sulla privacy, in quanto essi hanno ottenuto l'indirizzo Ip connettendosi alla rete p2p con uno pseudonimo, ciò che era nelle possibilità di qualsiasi utente, accedendo quindi ai file condivisi.

Presentato tale rapporto alla magistratura, quest'ultima avrebbe poi ordinato al provider di fornire i dati personali degli utenti connessi in rete unitamente ai dati tecnici di riferimento. Inoltre essa conferma l'assunto della Società Privata dei Produttori Fonografici, secondo il quale le operazioni preliminari di ricerca da essa ordinate non dovevano essere previamente autorizzate neppure dalla "Commissione Nazionale dell'Informatica e delle Libertà".

Ciò in quanto l'indirizzo Ip è completamente slegato dall'utilizzatore finché il dato non venga incrociato con il database del fornitore di connessione internet; cosa che, appunto, può essere ordinata solo dal magistrato e porta in conseguenza all'indentificazione univoca della persona fisica.

Se le premesse non sono prive di logicità, è la conclusione a essere non solo profondamente errata ma anche completamente priva di basi giuridiche. Innanzi tutto, tutti i Paesi civili riconoscono che il reato penale è fatto esclusivamente personale.

Per arrivare alla condanna, occorre cioè non solo la certezza del reato ma anche la certezza di chi lo ha commesso, "al di là di ogni ragionevole dubbio" aggiungono i legislatori più avanzati.

Sappiamo tutti che l'indirizzo Ip è quanto di più aleatorio ci sia, o almeno lo sa chi con l'informatica ci bazzica per mestiere o per passione; è possibile infatti occultarlo, falsificarlo, renderlo incerto o illegibile con cento e uno sistemi diversi.

Il voler collegare l'indirizzo Ip al titolare della connessione anche solo con una ragionevole certezza, vorrebbe dire come minimo aver sottoposto a perizia giudiziaria l'intero database non solo delle connessioni dell'abbonato ma dell'intero periodo, per escludere in qualche modo la possibilità di errori o di sostituzioni della persona.

L'incertezza sostanziale sulla persona trascina conseguentemente l'ipotesi del danno economico nei confronti degli aventi diritto, ma questa è solo una constatazione marginale. Sostanziale è invece stabilire l'ammontare del danno che, anche in caso si ritenesse legittima la condanna, dovrebbe essere dimostrato dal danneggiato.

Infatti, trattandosi di delitto punito a norma di legge, l'ammontare non dovrebbe poter essere deciso dal giudice "secondo equità" o altra ipotesi analoga valida nel proceso civile. Invece il voler determinare apoditticamente (sebbene in misura presumibilmente inferiore alla realtà) l'ammontare del danno, che neppure il danneggiato saprebbe determinare per difetto oggettivo di riferimenti certi, non fa che confermare l'ipotesi di una magistratura ormai asservita al potere politico, che è a sua volta sola espressione del potere economico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{Elena}
> le Major abbiano fior fiore di avvocati in grado di presentare il download di MP3 e Film come una infrazione al ns. codice civile e penale. che il download di mp3 e film non sia legale e non lo sia mai stato, non c'e` bisogno di chissa` che avvocati per dimostrarloquello che le major sono riuscite ad ottenere e` che da violazione... Leggi tutto
7-7-2007 17:25

Veramente paghiamo già una tassa sul supporto di registrazione (anche sulle videocassette) e, almeno in Francia, persino sugli HD; per di più a livello di sanzioni penali chi copia (speriamo solo teoricamente) è soggetto alle sesse pene detentive dei pedofili. A questo punto direi che l'allarme sociale non lo desta chi scopiazza, ma chi... Leggi tutto
5-7-2007 11:51

Diciamocelo chiaro ... un po' di storia non guasta. Ho 49 anni e ho visto la nascita del cd: in tanti anni qualcuno mi deve ancora spiegare da dove salta fuori il prezzo attuale del cd. Mi pare di ricordare che al momento del passaggio da vinile alla vile plasticaccia di cui il cd è fatto, il disco di vinile (parliamo di long plaiyng,... Leggi tutto
3-7-2007 15:17

potere politico ed economico Leggi tutto
2-7-2007 22:44

Da Jeanne d'Arc al P2P Leggi tutto
2-7-2007 13:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale stanza renderesti più smart per prima?
La camera da letto
La cucina
Il bagno / lavanderia
La sala

Mostra i risultati (968 voti)
Agosto 2022
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 agosto


web metrics