Barack Obama appoggia i formati aperti

Il candidato alla presidenza degli Stati Uniti, se fosse eletto, vorrebbe pubblicare in formati accessibili i documenti del governo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-11-2007]

Foto di Jenny Solomon

Il senatore statunitense Barack Obama, candidato alla presidenza, ha dichiarato pubblicamente il proprio supporto ai formati aperti.

"Dobbiamo usare la tecnologia per aprire la nostra democrazia. [...] Metterò online i dati governativi in formati universalmente accessibili": sono state le parole pronunciata da Obama a Mountain View.

In quest'occasione il candidato ha presentato il suo piano per la tecnologia e l'informazione, disponibile in pdf, che ha entusiasmato il direttore dell'Odf Alliance, Marino Marcich.

"Informazioni pubbliche che possano essere lette e scaricate da chiunque senza la necessità di un particolare tipo di software sono centrali per la missione della Odf Alliance e una caratteristica chiave del formato OpenDocumenti".

A voler essere sinceri, guardando il programma di Obama non si trova alcun riferimento al formato Odf in particolare; si parla di rendere accessibili a tutti le informazioni e quindi OpenDocument, standard Iso, sembra la scelta più ovvia.

Tuttavia anche Microsoft ha un formato, alternativo a Odf, che sta affrontando l'iter di approvazione da parte dell'Iso, quindi forse le dichiarazioni di Marcich sono un po' premature, o dettate dall'ottimismo.

L'importanza che i documenti ufficiali di uno Stato siano accessibili a tutti e non dipendenti da una specifica software house resta a ogni modo un nodo caldo per lo sviluppo del settore IT, che i politici di ogni nazione dovrebbero tenere presente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Autorizzi il browser a ottenere la cronologia dei siti Internet che hai visitato?
Ho disabilitato questa opzione
S, ma cancello la cronologia regolarmente
S, comodo, cos non devo digitare l'intero indirizzo
Non so

Mostra i risultati (2042 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics