Il chip tridimensionale raffreddato ad acqua

Per dissipare il calore dei chip 3D, Ibm ha ideato un sistema idraulico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2008]

Il chip tridimensionale di Ibm raffreddato ad acqu

I chip tradizionali sono ormai giunti al capolinea per quel che riguarda l'aumento delle prestazioni, dice Ibm. Infatti già ora, per realizzare processori sempre più potenti, la via maestra che viene battuta porta ad aumentare il numero di unità di esecuzione presenti (le Cpu multicore ormai onnipresenti).

I ricercatori IBM di Zurigo, però, in collaborazione con il Fraunhofer Institute di Berlino, hanno realizzato un'alternativa: un chip tridimensionale che integra il sistema di raffreddamento attraverso un sistema di tubazioni in cui scorre acqua, che collega direttamente i vari strati dello stack.

In questi cosidetti 3D chip stacks, i chip e i dispositivi di memoria, che solitamente sono posti uno accanto all'altro su un wafer di silicio, sono impilati uno sull'altro fornendo quello che Ibm definisce uno degli approcci più promettenti per aumentare le prestazioni oltre ogni aspettativa.

Con questa tecnologia viene ridotta la distanza che le informazioni devono percorrere su un chip a un millesimo rispetto ai chip a 2D. Inoltre si possono aggiungere un numero 100 volte maggiore di connessioni fra i componenti per agevolare la circolazione di dette informazioni.

La ricerca prevede anche l'ideazione di un modo per impilare la memoria sopra ai processori e successivamente sovrapporre più strati di processori. In uno scenario così futuristico, se le prestazioni schizzeranno alle stelle, lo stesso farà la quantità di calore prodotto, e i sistemi di raffreddamento rappresenteranno una sfida estremamente impegnativa.

"Nel posizionare i chip uno sull'altro per potenziare la capacità del processore di elaborare i dati" - spiega Thomas Brunschwiler, project leader ai laboratori di ricerca Ibm di Zurigo - "abbiamo notato che i tradizionali sistemi di raffreddamento collegati sul retro del chip offrono scarsi livelli di scalabilità. Per poter sfruttare al meglio le potenzialità della tecnologia 3D chip stacking occorre un sistema di raffreddamento su più strati". Sfortunatamente, "finora nessuno è riuscito a fornire soluzioni realizzabili per far fronte a questo problema".

La dispersione di calore sarebbe infatti pari a 1 kilowatt in un volume di mezzo centimetro cubo, 10 volte superiore a qualunque altro dispositivo creato dall'uomo.

Perciò, Brunschwiler e la sua squadra hanno integrato all'interno di strutture di raffreddamento una serie di mini-tubazioni ad acqua fini come capelli (50 micron) posizionadole tra gli strati dei chip così da rimuovere il calore direttamente dalla fonte in modo efficace. I sistemi di raffreddamento tradizionali, infatti, posti al di sopra del singolo strato di chip (disspitatore, ventola) in questo caso sarebbero inefficaci.

Uno dei più grossi ostacoli affrontati dal team ha riguardato la creazione di sistema che fosse in grado di massimizzare il flusso d'acqua tra i layer ma allo stesso tempo capace di sigillare ermeticamente le interconnessioni, per evitare che l'acqua provocasse dei cortocircuiti al sistema.

I ricercatori si sono ispirati al cervello umano, dove "milioni di nervi e neuroni sono connessi per il passaggio di informazioni ma non interferiscono assolutamente con le decine di migliaia di vasi sanguigni per quanto riguarda il raffreddamento e il fabbisogno di energia", hanno spiegato. La precisione necessaria per imitare la natura deve essere di 10 micron, 10 volte maggiore rispetto a quella necessaria per i chip attuali.

Nonostante il successo ottenuto con la realizzazione del prototipo, la ricerca continua ancora: il team di Ibm sta lavorando, oltre che al miglioramento dei chip tridimensionali, sulla possibilità di riutilizzare il calore generato dai data center catturando l'acqua quando è alla massima temperatura e indirizzandola nell'impianto termoidraulico dell'edificio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

sembra ancora molto avveniristica. Comunque un ottima idea utilizzare il calore dei computer: io uso sempre il mio protatile come scaldino nele fredde notti d'inverno e mi son sempre trovato bene.
10-6-2008 18:08

{GIOBATTA}
Il chip tridimensionale raffreddato ad acqua Leggi tutto
10-6-2008 09:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto spesso utilizzi un Pc o un dispositivo mobile mentre guardi la Tv?
Sempre
Spesso
A volte
Raramente
Mai
Non guardo la Tv.

Mostra i risultati (3214 voti)
Marzo 2020
Windows 10, l'aggiornamento causa problemi di connessione
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics