Il Comune di Napoli vieta i siti porno ai dipendenti

I dipendenti municipali potranno navigare solo su siti relativi al loro lavoro e per un'ora al giorno al massimo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-06-2008]

Il Comune di Napoli vieta i siti porno ai dipenden

Un giro di vite che colpirà tutti indiscriminatamente, dal sindaco all'ultimo impiegato, è la contromisura presa dal Comune di Napoli per limitare i danni al bilancio arrecati dai dipendenti fannulloni che passano il loro tempo in Internet, saltando da una chat ai siti di scommesse sportive ai videogiochi ai siti pornografici, invece di lavorare.

Ben presto sui 3.000 computer municipali verrà installato un programma che attiverà le restrizioni: ogni dipendente del Comune avrà a disposizione un tetto massimo di 60 minuti giornalieri per navigare nel Web e soltanto su siti attinenti al lavoro giudicati idonei dal fltro software. Una sorta di parental control istituzionale.

"Il blocco è nato per limitare i costi", dice il direttore generale del Comune di Napoli, Luigi Massa. Si tratta di una misura di carattere generale - ha spiegato - non di un provvedimento preso a seguito di qualche caso sensazionale; ciò dovrebbe ridurre la spesa pubblica che attualmente è appesantita da eccessivi costi di connessione non legati ad attività amministrative, secondo la relazione del revisore dei conti del Comune.

D'altra parte, l'amministrazione regionale della Campania già da tempo segue una politica analoga.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

{Fabio}
Mah, io lavoro in una regione e da noi è ormai anni che certi siti sono irraggiungibili e che la navigazione è permessa solo per motivi di lavoro (senza lo stupido limite di un'ora... se io devo fare 50 visure catastali che faccio, 25 oggi e 25 domani?). Mi stupisce che non sia così ovunque...
12-6-2008 18:32

Avete già abbondantemente risposto tutti, dicendo sostanzialmente le medesime cose. Per lavorare serviranno alcune risorse web, alcuni siti specifici. Si abilita l'accesso a quei siti, eventualmente anche diversi per ciascun dipendente in base alle specifiche esigenze e stop. Semplice da fare e blindato. Credo sia la normale realtà... Leggi tutto
12-6-2008 14:24

Quoto. Non parliamo poi di quelle persone che fanno streaming live selvaggio e intasano la banda. Una volta si portavano il cd da casa (o la chiavetta USB). Ora si ascoltano la musica via web anzichè la radio FM come sarebbe consigliabile, ammesso che in un ambiente di lavoro l'ascolto di musica sia consentito. Stendiamo poi un velo su... Leggi tutto
12-6-2008 10:38

La notizia sta nel fatto che fa notizia Leggi tutto
12-6-2008 09:22

Mettere un proxy come filtro è l'uovo do Colombo. Peccato però che in tante realtà aziendali spunti fuori sempre qualcuno, magari l'amico dell'amico, che picchia i piedi e dice che ha bisogno dell'accesso ad internet per poter svolgere adeguatamente il proprio lavoro. Le "eccezioni" finiscono così per diventare ingestibili e... Leggi tutto
12-6-2008 03:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi una VPN?
Sì, utilizzo un servizio gratuito.
Sì, utilizzo un servizio a pagamento.
No, ma mi piacerebbe risultare anonimo quando uso Internet.
No, non mi interessa essere anonimo.
Non so che cosa sia una VPN.

Mostra i risultati (1469 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics