La Tv ad alta definizione aumenta l'effetto serra

Il gas usato per produrre gli schermi piatti dei televisori è 17.000 volte più potente del biossido di carbonio nel causare l'effetto serra.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-07-2008]

Per il clima gli schermi Lcd sono peggio delle aut

Quando si parla di riscaldamento globale, generalmente si pensa subito ad automobili, riscaldamento e anidride carbonica. Secondo Michael Prather dell'Università della California di Irvine, alla lista bisogna aggiungere anche i televisori Hd.

Per creare i pannelli Lcd dei televisori odierni, infatti, viene prodotto trifluoruro di azoto (NF3); molto trifluoruro di azoto, per essere precisi, visto che ogni anno ne vengono prodotte circa 4.000 tonnellate. L'anno prossimo, inoltre, si calcola che la quantità sarà già doppia.

L'NF3 è 17.200 volte più potente dell'anidride carbonica nell'intrappolare il calore nell'atmosfera: ossia, è un magnifico gas serra che sarebbe in grado di permanere nell'atmosfera per più di 500 anni.

Il problema è che il protocollo di Kyoto, firmato nel 1997 da 181 Paesi, non prende in considerazione il trifluoruro di azoto: nonostante la periocolosità, infatti, undici anni fa la sua produzione era irrilevante. Con il successo dei televisori Hd, invece, la faccenda è cambiata completamente.

In realtà la valutazione del pericolo deve ancora essere completata, proprio perché ancora nessuno sta misurando la concentrazione di trifluoruro di azoto nell'atmosfera. L'NF3 viene usato per abradere chimicamente gli strati di silicio dei pannelli Lcd, operazione nota con il nome di etching. Durante questo processo il gas è scisso in azoto e radicali fluoro; rispetto alla produzione, quindi, l'immissione nell'atmosfera potrebbe essere molto minore.

D'altra parte il trifluoruro di azoto già viene usato perché è meno pericoloso, dal punto di vista del potenziale-serra, dell'esafluoruro di zolfo (SF6), gas incluso nella lista di Kyoto. Questo è 22.800 volte più potente del biossido di carbonio, e in più non si scinde durante il processo di etching.

Nel 2009 gli Usa (che tra l'altro non hanno sottoscritto il Protocollo di Kyoto) prevedono il passaggio definitivo alla Tv digitale, il che porterà prevedibilmente un boom di vendite per i televisori Lcd. Così - magra consolazione - potremmo avere presto una risposta ai dubbi sulla pericolosità dell'NF3.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

tv digitale tv digitale, ma chi ha bisogno di tutta questa risoluzione??! 1024x768 talvolta sono anche troppi... figuriamoci 1900 e le future risoluzioni... cmq il discorso cambia per i pannelli dichiarati "verdi" ?? cioè quelli che hanno un bollino inneggiante la natura..
15-7-2008 21:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
''Chi sbarca in Italia va via per non morire, va via perché c'hanno una guerra, un maremoto... come fai a fermarli? Bisogna creare delle strutture intelligenti, inserirli piano piano a fare delle cose perché sono gente straordinaria. E' un processo di cui non se ne può fare a meno. Arrivano, arrivano a riprendersi un pochino di quello che gli abbiamo tolto in 200 anni''. Chi è?
(Vedi poi la soluzione)
Uno che non considera prioritario lo Ius Soli per dare diritti di cittadinanza ai figli della "gente straordinaria" che arriva in Italia.
Uno che non vuole abolire il reato di clandestinità per non portare il suo partito a percentuali da prefisso telefonico.
Uno che ordina ai suoi parlamentari un voto contrario alla legge che ha abolito in Italia il reato penale di clandestinità.
Uno che ha messo come requisito indispensabile per l'appartenenza al suo partito politico la cittadinanza italiana.
Uno che da normale cittadino diceva pacatamente cose di buon senso ma una volta entrato nei meccanismi del potere è costretto a dire e fare minchiate per tenere insieme milioni di ignoranti e razzisti che toglierebbero il voto a proposte pacate e di buon senso.
Tutti quelli nominati finora.

Mostra i risultati (1248 voti)
Ottobre 2020
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Tutti gli Arretrati


web metrics