Facebook ospita 10 miliardi di foto, ma come pagherà lo spazio necessario?

Il social network più usato richiede sempre più spazio di memorizzazione. Ma gli utili non arriveranno prima di tre anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-10-2008]

La continua crescita della popolarità di Facebook ha fatto sì che in questi giorni il conteggio delle foto ospitate raggiungesse i 10 miliardi (che diventano 40 se consideriamo che ogni immagine viene salvata in quattro dimensioni diverse), aumentando a un ritmo che ora è pari a 2/3 Tbyte al giorno.

Ciò che dovrebbe preoccupare gente come Doug Beaver, a questo punto, è come farà la compagnia a pagare tutto lo spazio che le serve: è vero che ormai costa poco, ma non è certo gratis.

Il Ceo Mark Zuckerberg sostiene che Facebook inizierà a generare profitti solo tra tre anni, e infatti nel maggio scorso ha dovuto chiedere un prestito di 100 milioni di dollari per coprire i costi dei server.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

{HAL}
I nodi vengono al pettine Leggi tutto
16-10-2008 11:07

Cavolo... in tre anni può anche passare di moda. Spero che quei signori ci ricavino qualche spicciolo dal loro serizio. Non che mi piaccia Facebook, però... Vincenzo.
15-10-2008 19:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cosa che ti spaventa di più tra queste?
(Confronta i risultati con i timori degli abitanti negli USA nel 2014)
La clonazione della mia carta di credito.
Essere vittima di furto di identità.
Un attentato terroristico nella mia città.
L'accesso al mio conto bancario online da parte di malintenzionati.
Essere colpito da un malware informatico.
Un'epidemia sanitaria come l'ebola o l'aviaria.
La difficoltà a tirare avanti finanziariamente.
L'aumento del crimine.

Mostra i risultati (2264 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 gennaio


web metrics