Seagate, il rimedio è peggiore del male

L'aggiornamento del firmware, che doveva risolvere i guasti nei dischi da 1 Tbyte, ha invece bloccato anche quelli da 500 Gbyte. Seagate: "I dati non sono scomparsi".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-01-2009]

Hard disk firmware SD1A Barracuda 500 Gbyte

La vicenda degli hard disk Barracuda 7002.11 di Seagate, che diventavano improvvisamente inutilizzabili, sembrava essersi risolta con il rilascio di un nuovo firmware, SD1A, che sostituiva SD15. Invece la cura si è dimostrata peggiore del male.

Prima che Seagate intervenisse, infatti, i dischi più colpiti dal guasto erano i Barracuda 7002.11 da 1 Tbyte, seguiti dai DiamondMax 22 e dai Barracuda ES.2 Sata.

In seguito al rilascio del nuovo firmware hanno iniziato a presentare lo stesso problema anche i Barracuda 7002.11 da 500 Gbyte (inclusi nella lista di modelli cui l'aggiornamento era dedicato), con comprensibile ira da parte dei proprietari. Al momento l'update è stato tolto dal sito di Seagate, nell'attesa di capire che cosa sia successo.

I dati degli utenti non dovrebbero essere stati toccati dal blocco del disco, per quanto siano ormai inaccessibili senza un intervento specialistico o l'installazione di un firmware finalmente funzionante. La buona notizia è che qualcuno è riuscito a ripristinare le funzionalità del disco riportando il firmware alla versione AD14.

Seagate non ha ancora dato una spiegazione ufficiale di quanto accaduto né ha rivelato come intenda procedere in seguito alla nuova ondata di malfunzionamenti.

Quelli che invece non hanno aspettato a dichiarare le proprie bellicose intenzioni sono gli utenti: prima si aspettano che la società gratuitamente risolva i problemi che ha causato. Alcuni, come si legge nei vari forum, dichiarano che si guarderanno bene dal comprare un altro disco di Seagate.

Aggiornamento: la risposta di Seagate

Pubblichiamo integralmente la nota che Seagate ha rilasciato pochi minuti fa.

Seagate ha isolato un potenziale problema di firmware in alcuni prodotti, tra cui alcune unità Barracuda 7.200.11 e le relative famiglie di drive basate sulla stessa piattaforma, fabbricate a dicembre del 2008. In alcune circostanze, i dati memorizzati su tali unità disco possono diventare inaccessibili per l'utente quando il sistema host è acceso.

Per la soddisfazione dei nostri clienti e la risoluzione dei loro problemi, l'azienda sta offrendo un aggiornamento gratutito del firmaware per rispondere in modo proattivo agli utetenti che hanno prodotti potenzialmente interessati dal problema. L'aggiornamento del firmware sarà disponibile sul sito di Seagate entro 24 ore.

L'azienda precisa che non vi è alcuna perdita di dati associata a questo problema e che i dati memorizzati risiedono ancora sul drive. Seagate si impegna a lavorare con voi per trovare il più velocemente possibile un rimedio al problema e per ridurre al minimo eventuali disagi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Complimenti! Che bel colpo. Io mi tengo lontano; meglio un WD. ((OT)) per i tag , anche io non sono mai riuscito a farli funzionare. Ho provato ieri per oltre tre quarti d'ora. Poi ho trovato una soluzione: convertite il link con un sito come [url=http://forum.zeusnews.com/link/67153]link (Come vedete ho usato i tag bbcode, ma non... Leggi tutto
22-1-2009 20:39

Già Maxtor non godeva di fiducia incondizionata, adesso ha ammorbato anche Seagate... :( In ogni caso, vergognosa la gestione da parte dell'azienda, un colpo pesantissimo alla sua credibilità. Peccato perché stavo valutando l'acquisto di un disco esterno della serie FreeAgent Go (questa qua:... Leggi tutto
22-1-2009 10:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi grandi trend dominerà maggiormente il mercato dell'Information & Communication Technology nei prossimi due anni?
Cloud Computing
Mobility
Virtualizzazione
Sicurezza e Risk Management
Energy Efficiency
Business Intelligence
Big Data

Mostra i risultati (1393 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics