Mozilla si schiera con l'Europa contro Microsoft

La Fondazione è d'accordo con la Commissione Europea: legando Internet Explorer a Windows, l'azienda di Redmond non avrebbe fatto altro che ostacolare la concorrenza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-02-2009]

Mozilla Microsoft Internet Explorer antitrust

Mitchell Baker, presidente della Mozilla Foundation, è decisamentre combattiva: "Non c'è il minimo dubbio sul fatto che l'integrazione di Internet Explorer in Windows danneggi la concorrenza tra i browser, mini l'innovazione e in definitiva riduca la possibilità di scelta da parte degli utenti".

Per questo motivo Mozilla ha deciso di unire le proprie forze a quelle della Commissione Europea (e di Opera Software, che si dichiara parte lesa) contro Microsoft, accusata di abuso di posizione dominante per aver legato così strettamente il proprio browser al proprio sistema operativo.

Mozilla si è dunque costituita "terza parte interessata" con il diritto di sottoporre argomentazioni all'antitrust, partecipare al dibattimento e vedere la dichiarazione di obiezioni confidenziale che Microsoft ha inviato alla Commissione.

L'azienda di Redmond già si aspetta una multa da parte dell'antitrust europeo, il quale però potrebbe decidere di andare oltre e cercare di "favorire la concorrenza" obbligando l'installazione di più browser o ideando soluzioni più o meno strampalate che consentano all'utente di scegliere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

No! Basta permettere di rancare ie senza mandare a bau il sistema operativo! Mi para che il motore su cui poggia ie si chiami trident (o trinity, boh?!) e sfrutta com. Basta che permettano di togliere il "frontend" ie così le applicazioni che poggiano su quel motore non avranno problemi e la gente che non vuole internet... Leggi tutto
11-2-2009 20:22

bella pensata, eliminiamo tutti i browser Leggi tutto
11-2-2009 19:19

Togliamo tutti i browser da tutti i sistemi operativi? Togliamo Safari a OSX, Firefox/Konqueror alle varie distro GNU\Linux ? Leggi tutto
11-2-2009 17:13

o al massimo Bauer (Jack) "The rules are what make us better" - "Not today". Leggi tutto
10-2-2009 22:42

O dare la possibilità di non avere poprio Internet Explorer con Windows, così non si deve neppure disinstallare nulla. Leggi tutto
10-2-2009 22:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1561 voti)
Marzo 2021
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 marzo


web metrics