Facebook fa marcia indietro, ripristinate le condizioni d'uso

La protesta in Rete ha sortito degli effetti concreti. Facebook ha eliminato i termini che prevedevano che tutto rimanesse di sua "proprietà" anche in caso di cancellazione dell'utente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-02-2009]

Facebook marcia indietro sulle condizioni d'uso

"Abbiamo concluso che tornare alle condizioni precedenti è per il momento la cosa migliore": così Mark Zuckerberg annuncia la decisione di Facebook di riportare indietro di un paio di settimane i termini sottoscritti dagli utenti al momento della registrazione.

L'ultima modifica aveva impensierito parecchia gente, preoccupata per la perdita di controllo sui contenuti inseriti e per la propria privacy.

Non appena la protesta per il cambiamento aveva assunto proporzioni non più ignorabili, il Ceo di Facebook era intervenuto con un post sul proprio blog per chiarire che le intenzioni erano buone, le motivazioni erano sostanzialmente tecniche e il rispetto per la privacy restava ai massimi livelli. Tuttavia ciò non è bastato.

Le critiche e le perplessità non hanno fatto altro che crescere: per questo una retromarcia dev'essere sembrata la mossa più saggia, almeno finché qualcuno non troverà il modo di formulare nuove Condizioni d'uso che non spaventino così tanto gli utenti.

Quel momento potrebbe non essere così lontano: già nelle prossime settimane - scrive Zuckerberg - la prossima revisione delle Condizioni, scritta "in un linguaggio più chiaro che tutti possano comprendere", dovrebbe apparire.

Non sarà però calata dall'alto: chi volesse contribuire alla sua stesura può farlo tramite il gruppo creato allo scopo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

La ritrattazione Leggi tutto
18-2-2009 19:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fai uso del pagamento contactless?
S, lo trovo molto comodo.
Lascio scegliere all'esercente.
Non so cosa sia.
No, le mie carte non sono abilitate.
No, non mi fido

Mostra i risultati (2347 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 gennaio


web metrics