Sorpasso storico, Internet batterà la televisione nel 2010

Secondo i risultati di una ricerca di Microsoft, il prossimo anno passeremo più tempo sul Web che davanti alla Tv: i programmi arriveranno on demand sui telefonini, sulle consolle e sul Pc.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-04-2009]

Giugno 2010 Internet sorpassa la TV
Foto via Fotolia

Il dominio della televisione quale principale mezzo di comunicazione in Europa durerà ancora poco più di un anno: poi sarà soppiantato dal regno di Internet.

A sbilanciarsi in questo modo è Microsoft nel rapporto Europe logs on: Internet trends of today & tomorrow: nel giugno del 2010 Internet verrà usato, in media, per 14,2 ore alla settimana (pari a più di 2,5 giorni al mese) mentre la televisione si attesterà su 11,5 ore alla settimana (2 giorni al mese).

Ciò non significa, comunque, che spariranno i programmi televisivi, o che si userà soltanto il Pc: tenendo conto dell'evoluzione dei mezzi, si può predire che a cambiare sarà in realtà la loro fruizione.

Già ora, specialmente nella fascia d'età tra i 18 e i 24 anni, televisione e computer non sono separabili: il secondo è un mezzo per accedere on demand ai contenuti prodotti dalla prima.

A mano a mano che la fusione tra i due media continuerà, si assisterà a una forte riduzione o scomparsa della Tv tradizionale, intesa come programmi da guardare in tempo reale, a vantaggio di Internet, intesa come contenuti che si possono guardare in ogni momento.

Chi sperava quindi che il sorpasso di Internet sulla Tv significasse una trasformazione degli spettatori da fruitori di contenuti in soggetti attivi della comunicazione resterà forse un po' deluso.

Il Pc e il televisore così come li conosciamo sono destinati a evolversi in apparecchi multifunzione mentre la fruizione di Internet - il canale attraverso cui passerà tutta l'informazione, anche quella televisiva - sarà spezzettata su smartphone, console per videogiochi, Mid, netbook e solo in piccola parte su Pc e televisori tradizionali.

In questo senso si può allora arrivare a dire che l'uso della televisione crescerà, anziché diminuire: sarà accessibile sempre e dappertutto, non sarà più dipendente dagli orari definiti nei palinsesti e giungerà agli utenti/telespettatori attraverso Internet.

A quel punto anche il Web dovrà ridefinirsi: cambierà il modo di navigare in una Rete dove già ora i filmati costituiscono la forma di intrattenimento più amata dal 28% degli europei.

Il merito (o il demerito, a seconda che questa evoluzione sia vista positivamente o negativamente) della situazione che si creerà nel prossimo futuro andrà soprattutto alla diffusione della banda larga, che ha permesso di avere una connessione diretta e sempre disponibile: sono lontani i tempi dei modem, quando ci si collegava un paio di volte al giorno; ora tutti (o almeno quelli che non sono vittime del digital divide) sono permanentemente connessi sia che si trovino a casa, sia che si trovino in ufficio, sia che si stiano spostando.

L'anno scorso il 48,5% degli europei disponeva di una connessione a Internet e ogni settimana passava circa 9 ore sul Web; l'Italia si pone in linea con la media europea, media che però è ottenuta dall'incontro del nord Europa (dove la penetrazione di Internet è intorno al 70%) con il sud (dove è intorno al 40%).

In questo panorama non bisogna dimenticare poi l'importanza dei social network, significativi per gli inserzionisti pubblicitari più ancora che per gli utenti: in un mondo in cui non è più necessari restare davanti al televisore per seguire il proprio programma preferito occorre trovare nuovi modi per andare a caccia di consumatori là dove questi amano rifugiarsi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Scusate eh, ma questa bufala la sento da almeno 15 anni! Ricordo ancora il buon Bill Gates, ancora un baldo giovine, che lo diceva davanti ad una platea gremitissima di gente. Ma figurati se i "grandi" vogliono cambiare la tv d'oggi; gli va così bene! Semmai faranno di tutto per tenerla ben separata dalla Rete, perché... Leggi tutto
10-4-2009 19:00

Che cosa? :what: Leggi tutto
10-4-2009 14:17

No, Bimbostronzi al comando. Leggi tutto
10-4-2009 13:42

Ma anche senza pensare a vera e propria televisione on demand raggiungibile via web, i monitor dei pc diventano sempre più grandi e i Pc hanno sempre più spesso dotazioni audio/video di tutto rispetto... quindi non mi stupirebbe affatto che il "congegno" divenga uno solo...per essere usato da Pc o da Tv a seconda delle esigenze
10-4-2009 13:39

Un epidemia di Bimbominkia :help: :fuga: Leggi tutto
10-4-2009 12:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (1736 voti)
Agosto 2017
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
I sospetti della FDA sull'hamburger vegano
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Il file sharing monouso di Mozilla
Antibufala: ''robot di Facebook'' che parlano fra loro una lingua sconosciuta
Video: perché questo uccellino sta a mezz'aria con le ali ferme?
Fondatore di Tor: il Dark Web non esiste
Luglio 2017
Windows 10, Creators Update per tutti
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Tutti gli Arretrati


web metrics