Fattura elettronica, pubblica amministrazione e open source

Alla ricerca di uno standard per la fattura elettronica nella pubblica amministrazione, dove oggi regnano i formati proprietari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-07-2009]

Da alcuni anni si sente parlare in Italia di uno "standard CBI" per la fattura elettronica, buono anche per la fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione. Ma sembra proprio che sia stato un abbaglio.

È quanto si desume dalle analisi dello SCIC (lo Steering Committee Interassociativo ACMI-AITI-ANDAF su Corporate Payments & Financial Supply Chain) che raggruppa le associazioni professionali e manageriali dei direttori amministrativi e finanziari, dei credit manager e dei tesorieri d'impresa.

Lo SCIC è intervenuto di recente per la seconda volta sul tema della fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione. Dopo aver indirizzato a ottobre dello scorso anno ai ministri Tremonti e Brunetta un sostanzioso documento sulle esigenze generali delle imprese, ha infatti rappresentato di recente agli uffici legislativi impegnati nella redazione del testo del Decreto col quale si fisseranno le regole tecniche, che quello del CBI è un formato proprietario.

Questo comporta problemi di riconoscibilità reciproca con altre comunità di business, di gestione evolutiva del formato (a cui, diversamente dagli standard, gli utilizzatori non partecipano), di trasparenza nelle decisioni di aggiungere o togliere campi o di stringere alleanze, di estensibilità ad altri documenti dei riferimenti supportati, di apertura alla concorrenza e via dicendo.

La differenza è notevole sia per i provider di soluzioni software e di servizi sia per gli utilizzatori finali. Nella sostanza, il formato proprietario non soddisfa i requisiti di indipendenza e di interoperabilità.

Chi dovesse adottare ugualmente il formato proprietario si troverebbe nella spiacevole situazione di dipendere da chi detiene il governo delle regole e di non poter scambiare automaticamente fatture nei rapporti con imprese che, in Italia, in Europa e nel resto del mondo, hanno sviluppato le loro piattaforme ICT usando standard riconosciuti. Insomma, un'ulteriore motivo di frammentazione del nascente mercato dei servizi per la generazione e lo scambio di documenti digitali.

Al momento, gli unici standard che utilizzano la sintassi XML (il linguaggio scelto dalla UE per l'e-Government e per la Single Euro Payments Area) pubblicati e manutenzionati da organismi ufficialmente riconosciuti sono il Cross Industry Invoice 1.1, emesso da UN/CEFACT, e UBL 2.0, emesso da OASIS.

Tuttavia, solo UBL trova da anni applicazione tra le imprese e dal 2005 è usato dalla Danimarca per la fatturazione verso la Pubblica Amministrazione, poi seguita da Svezia, Islanda e Norvegia. L'UBL è stato inoltre utilizzato nei progetti europei di e-procurement delle organizzazioni statali e regionali (Progetto PEPPOL, in Italia ne sono parte CONSIP, CSI Piemonte e INTERCENT-ER).

Anche ENEA ricorre da tempo a UBL per supportare le piccole e medie imprese nel trasferimento di tecnologie volte a favorire processi di filiera o di distretto. Diversamente da CII, oltre alla fattura, lo standard UBL offre la bellezza di ulteriori 30 documenti elettronici normalizzati, tutti coerenti e concatenabili, mediante cui ingegnerizzare i processi di supply chain e di regolamento amministrativo.

Ma non finisce qui. UBL consente di mantenere l'interoperabilità anche nel caso in cui, per ragioni locali o di specifiche comunità di business, sia necessario aggiungere o togliere alcune informazioni al formato standard originario; e questo, anche in relazione ai diversi contesti contrattuali di cui gli scambi di documenti sono espressione.

Non a caso, il CEN (Comité Europeen de Normalization), ha elaborato i requisisti per l'interoperabilità (Business Interoperability interfaces) sfruttando la semantica UBL.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Fattura elettronica, P.A. e open standard Leggi tutto
13-8-2009 01:40

Attenzione !!! :shock: La "fattura elettronica" è regolamentata dalla UE che intima che il formato sia XML, interoperabile e soprattutto libero da forme di copyright che limitano l'uso. :? Il giochetto è facile NOI usiamo un formato ILLEGALE rischiando una MULTA UE (ma abbiamo tantissime multe UE che menomale ci ha... Leggi tutto
23-7-2009 10:32

Siamo sempre gli ultimi ad arrivare ed i primi a perderci Leggi tutto
23-7-2009 08:38

{aldo}
xml rulez!!! Leggi tutto
23-7-2009 05:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1721 voti)
Aprile 2021
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 aprile


web metrics