Il codice segreto antifurto per cellulari

Premete questi tasti sul telefonino: apparirà sullo schermo un codice a 15 cifre. Se vi rubano il telefonino, chiamate il vostro operatore e comunicategli questo codice: il telefonino del ladro verrà bloccato. Bufala o verità? Questa precauzione è davvero utile?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-03-2002]

Con le solite varianti tipiche delle catene di sant'Antonio, il senso è grosso modo questo:

--------------
Subject: Fwd: Furti di cellulare
Non ho avuto modo di verificare la notizia. Ve la giro comunque: dovrebbe essere interessante... Ecco un'informazione che sarà utile per tutti: Un'informazione molto utile, per una volta! Ci si può chiedere perchè i negozianti di telefonini la tengono riservata. Se questa notizia si espande a tutti, i ladri di telefonini possono riciclarsi! Una specie di rivincita se vi rubano il vostro telefonino: per ottenere il numero di serie del vostro telefono, battete i tasti:
*#06#
Un codice a 15 cifre apparirà sullo schermo. Questo codice è unico. Scrivetelo e conservatelo preziosamente. Se vi rubano il telefono, telefonate al vostro operatore e dategli questo codice. Il vostro telefono potrà essere completamente bloccato, anche se il ladro cambia la scheda SIM. Non recupererete probabilmente il vostro telefono, ma siete almeno sicuri che nessuno potrà usarlo. Se tutti prendono questa precauzione, il furto di telefonini diventerà inutile. Mandate questo messaggio a più persone che potete! Quando il n° di serie è affisso, scrivetelo! Non potrete più provare questo trucco dopo il furto...
---------------

Perché NON è una bufala (o quasi)

L'appello contiene molte inesattezze, ma la sostanza è vera: digitando il codice *#06# effettivamente il cellulare visualizza un numero, che è davvero il suo numero di serie, è distinto dal numero di telefono e non cambia quando si cambia tessera SIM. In gergo tecnico, questo numero si chiama IMEI. Però non è vero che "i negozianti di telefonini la tengono riservata.". Se non ve lo dicono quando acquistate il cellulare, è semplicemente per ignoranza o fretta, non certo per malizia. Anzi, spesso l'IMEI viene scritto (proprio dal negoziante) nel contratto di acquisto quando acquistate un cellulare insieme alla scheda SIM.

Fra l'altro l'IMEI è comunque scritto nel vano batterie del cellulare e spesso è riportato anche sull'imballo del telefonino.

Ma serve davvero trascriversi questo codice in caso di furto?

Non è un rimedio a prova di bomba come dice l'appello, ma è senz'altro meglio di niente. Se vi viene rubato il cellulare, potete in effetti indicare questo IMEI nella denuncia alle autorità di polizia, che lo segnaleranno agli operatori telefonici. Queste segnalazioni vengono raccolte in una cosiddetta blacklist ("lista nera"), che praticamente è un grande elenco di IMEI di telefonini rubati.

L'IMEI viene comunicato automaticamente da ogni cellulare GSM ogni volta che si collega alla rete per fare o ricevere una chiamata. Di conseguenza, gli operatori cellulari dispongono di un sistema molto semplice per rendere inservibili i telefonini rubati: consultare automaticamente la blacklist prima di consentire a un telefonino di accedere alla propria rete. Se l'IMEI del cellulare è presente nella blacklist, la connessione viene rifiutata.

Sulla carta questo è un ottimo deterrente: è inutile rubare un cellulare se poi non lo si può usare (se non come fermacarte). In pratica, però, le cose stanno ben diversamente.

Innanzi tutto, solo alcuni operatori usano la blacklist: gli altri non fanno alcun controllo sull'IMEI dei cellulari che usano la loro rete telefonica. Inoltre gli operatori raramente condividono le proprie blacklist, per cui un cellulare che viene rifiutato su una rete potrebbe benissimo essere accettato in un'altra, specialmente in un altro paese.

Per esempio, i quattro operatori GSM italiani (Omnitel, TIM, Blu, Wind) condividono le blacklist soltanto da gennaio 2002, ma questa condivisione tuttora non si estende ad altri operatori esteri. In altre parole, se vi rubano il cellulare e tentano di usarlo in Italia, non ci riusciranno; ma se lo portano in Cina o in Francia è assai probabile che riescano ad usarlo.

C'è di peggio. L'IMEI è modificabile. Basta una rapida ricerca su Internet per trovare ogni sorta di risorse per alterare questo numero di serie e ridare così la verginità all'apparecchio rubato. Fra l'altro, procurarsi un IMEI "pulito" è molto semplice: basta usarne uno di un altro cellulare non rubato. Infatti sorprendentemente l'IMEI non è univoco (possono cioè esistere due o più telefonini con lo stesso identificativo), contrariamente a quanto si ritiene normalmente.

Gli operatori inglesi BT Cellnet e Vodafone, per esempio, dichiarano che circa il 10% degli IMEI che circola sulle loro reti è costituito da doppioni. Nokia dichiara che è "molto difficile" alterare gli IMEI dei propri apparecchi (ma si guarda bene dal dire che è impossibile) e che gli IMEI duplicati sono "rari" (ma esistono). Sony Ericsson dichiara che i suoi cellulari non hanno mai IMEI identici.

Tirando le somme, l'appello è fondato su fatti reali, anche se leggermente alterati. L'efficacia della misura proposta non è assoluta, ma è comunque significativa (della serie "piuttosto che niente, meglio piuttosto"). Considerato che costa poca fatica includere l'IMEI in una denuncia di furto, vale la pena di farlo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto

Commenti all'articolo (5)

si, l'IMEI viene trasmesso assieme al dato identificativo della Sim, ed questo il modo tramite cui, inserendolo in una black list integrata tra tutti gli operatori, sarebbe possibile bloccarlo Pi che altro comunque, la denuncia di smarrimento/furto e comunicazione dell'IMEI ha un senso -come detto da te- nel dire "guardate che... Leggi tutto
29-7-2010 16:00

Tempo fa, in occasione dell'ennesimo smarrimento di un telefonino, ho accompagnato la mia sventata figlia nel negozio ufficiale del suo provider di telefonia per recuperare la sim e bloccare, appunto, il telefono. Dal poco che ci hanno detto, ho capito che sarebbe molto piu` rintracciabile l'IMEI del telefono di quanto non sia il... Leggi tutto
28-7-2010 12:21

{utente anonimo}
E'POSSIBILE INTERCETTARE I CELLULARI SOLO CON IL NUMERO TELEFONICO OPPURE OCCORRE ANCHE L'IMEI DEL TELEFONINO ?
27-7-2010 18:51

Come spiegato nell'articolo, che tra l'altro datato marzo 2002, comunicare in caso di furto il codice IMEI un tentativo, un meglio di niente. Dal 2002 ad oggi non so quanto abbia effettivamente preso piede la gestione di una black list o quanto detta lista sia condivisa tra i vari operatori di telefonia (almeno europei). ... Leggi tutto
27-4-2008 14:50

{Marcello}
chiarimento Leggi tutto
19-3-2008 10:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la cosa pi importante per te in un sito Internet?
Estetica
Interattivit
Contenuti
Usabilit
Gratuit

Mostra i risultati (2678 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics