Foto allegre su Facebook? L'assicurazione non paga più

Chi soffre di depressione dovrebbe mantenere un'espressione adeguatamente triste in tutte le foto che pubblica sul Web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-11-2009]

Foto allegre Facebook depressione assicurazione

Natalie Blanchard, ventinovenne canadese dipendente di Ibm, soffre di depressione: per questo motivo a volte non può recarsi al lavoro e riceve un supporto economico mensile dalla propria assicurazione, la Manulife Financial.

Un giorno, all'improvviso, i pagamenti sono cessati. Natalie ha subito contattato Manulife per capire il motivo e le è stato risposto che la compagnia aveva scorto delle foto, sul suo profilo di Facebook, in cui era allegra: una vacanza in spiaggia, una festa di compleanno e altre occasioni simili.

Se Natalie si mostra allegra, allora non soffre più di depressione; se non soffre di depressione, allora può andare al lavoro; se può andare al lavoro, allora non ha bisogno dei soldi di Manulife.

La questione non è semplicissima: da un lato, Manulife ha ammesso di usare i social network per controllare i propri clienti; dall'altro, la stessa compagnia afferma di non basarsi solamente sulle informazioni reperite nel Web per intraprendere un'azione come quella che ha riguardato Natalie Blanchard.

Quanto alla donna canadese, ella sostiene di aver trascorso tre distinti periodi di vacanza - ciascuno di quattro giorni - su consiglio dello psichiatra che l'ha in cura e proprio per mitigare gli effetti della depressione, e che a questi momenti si riferiscono le fotografie.

Il caso ora passa nelle mani della giustizia: sarà discusso in tribunale il prossimo 8 dicembre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Beh, beh, per 'sta volta vi siete salvati dal forno crematorio alimentato dalle grasse chiappe dei fancazzisti lavorativi e dai fasbucchiani postprandiali. Un discorso a parte meriterebbe l'Olivetti Della megaazienda di Ivrea mi pare di aver già detto tempo addietro e non ho voglia di riattizzar polemiche, magari con riprovocando... Leggi tutto
26-11-2009 17:36

Beh, beh, per 'sta volta vi siete salvati dal forno crematorio alimentato dalle grasse chiappe dei fancazzisti lavorativi e dai fasbucchiani postprandiali. Un discorso a parte meriterebbe l'Olivetti Della megaazienda di Ivrea mi pare di aver già detto tempo addietro e non ho voglia di riattizzar polemiche, magari con riprovocando... Leggi tutto
26-11-2009 17:35

:ok!: :clap: :clap: :clap: Leggi tutto
26-11-2009 14:32

L'ho sempre detto che solo i polli usano fessbuk. E' risaputo che head hunter e aziende prima di scegliere danno in pasto alla rete il nome del candidato quindi di che si lamenta questa?? E' il destino dei polli essere spennati. Amadori docet. :lol:
26-11-2009 13:11

Ma certo TOTO, lo so benissimo, anche per me è lo stesso! Tra l'altro ripeto, spesso e volentieri mi trovo in perfetta sintonia con MERLIN. Sono certo che MERLIN ha capito perfettamente lo spirito delle nostre repliche :) ...poi dovo aver scritto "spellato vivo" la battuta del sale mi è venuta così naturale che non potevo... Leggi tutto
26-11-2009 11:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1582 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 16 ottobre


web metrics