Computer, ma quanto mi stressi!

I malfunzionamenti del Pc sono fonte di stress per la maggior parte degli utenti. In molti casi la colpa è del malware, ma pochi se ne rendono conto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-12-2009]

Panda Security stress computer malware

Secondo un recente studio di Panda Security i problemi legati al malfunzionamento del Pc possono essere causa di stress.

Il 63 per cento del campione intervistato ha risposto che questo tipo di anomalie nel computer genera un livello medio-alto di nervosismo, mentre il 7 per cento arriva addirittura a uno "stato di assoluta disperazione".

Una delle scocciature che affligge maggiormente la popolazione sembra essere la scomparsa del puntatore del mouse. Quando ciò avviene si ricorre ad azioni di ogni specie, come riavviare il Pc o controllare i cavi (37%), pulire il mouse (7%), cambiare le pile (2%), e perfino prendere a colpi il mouse (4%). Meno della metà degli intervistati decide di mantenere la calma e utilizzare la tastiera in sostituzione.

Anche i problemi relativi alla connessione a Internet creano non poche tensioni. Per risolverli la maggior parte degli utenti riavvia il router ripetute volte (58%), o fa lo stesso con il computer (30%); solo il 6 per cento degli intervistati si rivolge al servizio tecnico.

Anche le "schermate blu" mettono in agitazione: la metà delle persone si fermano a leggere il testo di errore per verificarne la causa, il 32 per cento riavvia il computer, mentre il 5 per cento opta per spegnere direttamente la macchina; il 2 per cento sceglie di formattare l'hard disk.

La lentezza del Pc nell'avviarsi urta la sensibilità del 37 per cento degli utenti; solo il 24 per cento, però, decide però di indagare sulle cause del rallentamento mentre il 6 per cento preferisce perfino comprarne uno nuovo. Un risicato 1 per cento pensa che questo problema potrebbe dipendere dal malware e opta per l'analisi attraverso un antivirus.

Come afferma Luis Corrons, direttore tecnico dei laboratori dell'azienda che ha realizzato l'indagine, "l'alta percentuale dei problemi che intaccano il corretto funzionamento del computer è dovuta principalmente al malware. Dai nostri calcoli, il 58 per cento del totale dei Pc è infettato da codici maligni. Il fatto che solo l'1 per cento degli utenti pensi di analizzare la macchina con l'antivirus fa capire quanto sia falsa la sensazione di sicurezza che si vive in questo periodo".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Leggendo i casi presi in considerazione, direi che hanno riportato metÓ della mia giornata lavorativa, spesa cercando di obbligare di far fare a windows quello che voglio io e non quello che vuole lui.
17-12-2009 02:00

e la 9.10 Ŕ addirittura una favola!! :-) Leggi tutto
11-12-2009 12:41

Ubuntu 9.04 (jaunty) Ŕ stata una scelta obbligata in quanto lo ho trovato installato sul pc del mio ufficio quando ho cambiato lavoro e per comoditÓ nell'ambiente di prova che mi sono fatto sul pc di casa ho usato la stessa distro. Leggi tutto
10-12-2009 22:08

PAROLE SANTE :roll: Leggi tutto
9-12-2009 11:08

Son proprio curioso: che distro usi? Leggi tutto
9-12-2009 09:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual Ŕ il comportamento pi¨ fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (2526 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics