Intel annulla l'invecchiamento dei processori

Intel ha presentato a San Franscisco una Cpu in grado di contrastare il degrado di prestazioni dovuto all'età.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2010]

Intel vecchie Cpu Keith Bowman

Anche i processori invecchiano. Con il tempo, a causa delle variazioni di tensione, dei cambi di temperatura o della semplice veneranda età dei transistor i chip si degradano, e per ovviare a questo problema da tempo vengono usate tecniche particolari.

In particolare ci possono essere dei problemi di "sincronia" tra i dati e i segnali di clock dei chip, che generalmente vengono risolti con il sistema detto guardband, ossia "allungando" i tempi per permettere la comunicazione nonostante una sincronia non perfetta.

Tutto ciò si traduce però in una perdita di tempo e di energia che, in ultima analisi, porta a prestazioni ridotte. Ora Intel, per bocca di Keith Bowman, afferma di aver trovato una soluzione a questi effetti collaterali.

La chiave del sistema elaborato da Intel sta in un chip sperimentale, mostrato alla International Solid-State Circuits Conference di San Francisco, che contiene dei cricuiti addetti al rilevamento degli errori.

Questi circuiti - denominati Eds (embedded error-detection sequentials) e Trc (tunable replica circuits) - in sostanza scovano gli errori, li replicano per ottenere i risultati corretti e adattano dinamicamente la velocità di clock del processore per ridurre il tasso d'errori stesso.

In questo modo - spiega Bowman - si riesce a ottenere un guadagno del 41% rispetto ai chip tradizionali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Intel annulla l'invecchiamento dei processori Leggi tutto
12-2-2010 22:19

C'è da dire che vedo da conoscenti appassionati vecchi pc con 386 o anche più vetusti accendersi e lavorare bene (per il loro standard ovvio) anche oggi, quindi non penso (sbaglio?) che l'invecchiamento del chip sia così veloce e distruttivo, bello cmq che si studino tecnologie sempre migliori ;) .
12-2-2010 18:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2574 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics