Il turco meccanico di Amazon

Il cloud computing è entrato nel gergo degli internauti ma affonda le sue radici in un'invenzione del Settecento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-03-2010]

Mechanical Turk

Cloud computing è un termine che sempre più prepotentemente, viste le stime di colossi del calibro di Microsoft e Google sul futuro sviluppo delle tecnologie della comunicazione, entra nel gergo comune degli internauti e degli esperti di settore.

A oggi non se ne può dare una definizione univoca in quanto, per dirlo con una battuta, "il cloud è il cloud"; tuttavia era difficile immaginare che un giorno la geniale intuizione del nobile aristocratico Wolfgang von Kempelen, vissuto tra la fine del Settecento e gli inizi dell'Ottocento, potesse essere ripresa per essere utilizzata in quello che oggi è uno dei settori più avanzati dell'informatica.

Raccontiamo brevemente la sua storia in quanto veramente particolare. Tra la fine del 1700 e gli inizi del 1800 il nobile ungherese Wolfgang von Kempelen inventò una macchina dal curioso nome Turco Meccanico (Mechanical Turk).

Essa altro non era che un parallelepipedo in legno dell'altezza di un tavolo alla cui sommità vi stava una scacchiera; al posto di uno dei giocatori vi era un mezzobusto rappresentante un cavaliere turco.

Von Kempelen stupì l'Europa con questa suo automa meccanico, in quanto sosteneva che la macchina potesse sconfiggere chiunque al gioco degli scacchi, e a quanto pare era proprio così. Tra gli illustri avversari si possono annoverare Benjamin Franklin e Napoleone Bonaparte.

Per persuadere il pubblico scettico della bontà della propria macchina, von Kempelen mostrava l'interno fatto di una miriade di ingranaggi, denti e molle, molto complesso, adducendo a questo sistema facoltà di intelligenza artificiale.

Ciò che essi non sapevano è che dietro quel complesso marchingegno vi era celata una persona molto abile nel gioco degli scacchi, che azionava dall'interno i meccanismi.

Qualcuno a questo punto si chiederà che cosa abbia a che fare il turco meccanico con l'informatica. Ebbene questo principio oggi viene applicato da una multinazionale come Amazon in tutte quelle attività che vengono vendute come servizi informatici ma che in realtà non possono essere implementati da nessun software.

In breve il Mechanical Turk Service offre da un lato un servizio alle imprese apparentemente automatico, on-demand e scalabile e dall'altro impiega una forza lavoro attinta tra migliaia di persone che svolgono, iscrivendosi al servizio, quesiti difficilmente proponibili a un computer.

Così facendo si è creato un circuito virtuoso che impiega centinaia di migliaia di lavoratori remunerati, che possono scegliere il task da servire, l'orario in cui svolgerlo e il luogo preferito, purché dispongano di un accesso a Internet.

In breve, in piena filosofia cloud, ci si può anche creare una attività che non sia legata a luoghi fisici e in cui si viene pagati per il reale lavoro svolto.

È fin troppo ovvio che questo sia solo un primo passo verso un reale cloud working; tuttavia, come recita lo slogan del servizio, "questa è l'intelligenza artificiale... artificiale".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Definizioni sul cloud computing Leggi tutto
20-4-2010 18:42

Non concordo con il senso di Cloud Computing che dà l'autore dell'articolo. Concordo invece con la definizione di wiki http://it.wikipedia.org/wiki/Cloud_computing l'utente non sa dove sono le risorse, ma le risorse sono ben precise ed identificate, il "circuito virtuoso" mi pare non c'entri per nulla. O sbaglio?:-) :old:
24-3-2010 17:09

{Antonio}
Il Mechanical Turk Service mi sembra esista da annni in Italia e venga chiamato... COTTIMO!
23-3-2010 12:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (404 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics