Ungheria, Norvegia e Danimarca scelgono l'open source

Sempre più stati Stati scelgono i formati aperti. Per salvaguardare l'accesso ai dati, soppiantano i sistemi proprietari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-04-2010]

Opensource and OpenData logo

Da parecchi anni c'è una sempre più aspra lotta tra il vecchio business model dei sistemi chiusi e proprietari - retaggio dell'industria meccanica del '900 -ed il nuovo modello, ancora in via di definizione, naturale evoluzione del mondo della Rete.

Il mondo del software è oramai irreversibilmente teso all'open source, non essendo più economicamente e tecnicamente sostenibile un altro modello di sviluppo; tuttavia l'avere sistemi a sorgente aperto, liberamente usabili e modificabili, è necessario all'industria del software ma non è sufficiente all'ecosistema informatico nel suo complesso.

Il sempre più vasto e variegato parco di dispositivi embedded richiede infatti sempre più funzioni informaticamente complesse.

In ambiente domestico si va dai già presenti televisori e decoder in grado di riprodurre foto, musica e video da dispositivi Usb fino alla recente diffusione di dispositivi Wi-Fi (console, cellulari, televisori Dlna ecc).

A un livello più "industriale" possiamo citare le reti di sensori destinate alla sicurezza (dalle telecamere alla gestione degli accessi tramite badge) e alla prevenzione incendi, o la gestione degli impianti di condizionamento/riscaldamento.

Tutto ciò è oramai dominio di soluzioni GNU/Linux personalizzate o, nel campo industriale, di soluzioni Unix, non essendo economicamente praticabile lo sviluppo di dispositivi e reti proprietari per questioni sia di complessità che di interoperabilità.

I dati collezionati da questi sistemi sono spesso gestiti tramite applicazioni proprietarie, così impedendo o comunque rendendo molto difficile il loro uso e riuso nel tempo; e purtroppo questi dati hanno sovente un valore economico molto superiore al sistema che li gestisce.

Per risolvere questo problema si stanno sempre più diffondendo sia iniziative di singoli vendor che imposizioni normative di vari stati.

Dopo il famoso caso dell'Ungheria ora anche Norvegia e Danimarca, limitatamente ai formati di documenti elettronici, hanno bocciato i formati di Microsoft Office in favore del formato OpenDocument adottato da OpenOffice.

In molti sperano che l'insorgenza del cloud computing e le politiche di molti vendor che sfruttano l'open source non contribuiscano ad accrescere il problema bensì cerchino di risolverlo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Lo Stato non è altro che un fornitore di servizi, enormemente vantaggioso perché lavora per un intera comunità, che se si usassero gli stessi servizi privatamente costerebbero 10 o 100 volte di più. Dunque pagare in comunità i servizi (tasse/imposte) conviene! Esempio per capirci : Mettiamo che lo Stato non ti fornisca la Polizia,... Leggi tutto
7-4-2010 22:38

Se dimostri di cercare un lavoro, sennò grandi leve, giustamente... Cmq si, sono molto più avanti di noi i paesi del nord. Per assurdo in percentuale pagano molte più tasse, ma poi vedono che i soldi pagati vanno ad aumentare il loro benessere, quindi va bene... Da noi tutti maghi con il trucco della monetina. Prima c'era e ora non c'è... Leggi tutto
7-4-2010 08:18

Su con la vita!!! E' facile sai ... Basta alzare la cintura! :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
6-4-2010 22:31

Lascia perdere che è meglio se no cado in depressione... Leggi tutto
5-4-2010 11:10

Posso dire che sospetto che esistano anche licenze Win MAI utilizzate ... Una cosa che purtroppo ora è legale anche se immorale. Ciao Leggi tutto
5-4-2010 03:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai più spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed è legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3550 voti)
Settembre 2021
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 settembre


web metrics