Finalmente un Linux dedicato all'infanzia

Qimo è il sistema operativo derivato da Ubuntu fatto apposta per i bambini. Dai tre anni in su.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-04-2010]

qimo

Oggi i bambini nascono informatizzati; fin dalle prime settimane sono attirati da telecomandi cellulari e tastiera del Pc e già verso i sei mesi passano dalla presa di contatto mediante un "assaggio" fisico a un più performante e soddisfacente tentativo di vera e propria digitazione.

E' forse per venire incontro alle esigenze dei più piccoli ma anche ai timori della mamme e dei papà relativamente al software di casa, che è stata creata l'ennesima versione del poliedrico Ubuntu, specializzata questa volta nell'approccio della prima infanzia al Pc e alle sue meraviglie grandi e piccole.

Qimo è infatti una prima versione, derivata a dire il vero da Xubuntu 8.10, che comprende una serie di software espressamente dedicati ai piccoli e che possono cominciare ad essere usati già a partire del terzo anno di età.

Principalmente grafica (TuxPaint) ma anche altro come TuxMath o Childisplay, il tutto assistito da icone sovradimensionate in modo da essere facilmente selezionabili anche da mani inesperte.

E se il prossimo aggiornamento, basato questa volta su Lucid Lynx che dovrebbe essere rilasciato a fine Aprile, conterrà anche GCompris, si potrebbe presumere che il software ambisce a essere un must per i giardini d'infanzia più evoluti o, se vogliamo, più al passo coi tempi.

A questo punto sorge spontanea una riflessione e cioè se sia corretto incoraggiare o anche solo tollerare la permanenza dei più piccoli davanti al monitor e poi anche davanti all'apparecchio Tv; e ciò proprio durante le prime fasi del processo evolutivo.

Pediatri e sociologi probabilmente diranno di no, mentre psicologi e pedagogisti magari per il sì, ma "con giudizio". Ma del resto, in questa come in tante altre cose, occorre che chi ha più buon senso l'adoperi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Encomiabile iniziativa, non c'è che dire. :clap: E io di figli ne ho quattro. Sempre ché non si auspichi per i propri figli un futuro da pastori o contadini, non c'è altro da aggiungere... ;-) Leggi tutto
25-5-2010 16:42

Ragazzi, ho tre figli di cui due stitici. Il PC? a due anni in bagno per vedere i barbapapà su YouTube. Alla fine la grande (8 anni) comincia a capire che tipo di fregature si possono prendere su Google. E' il loro futuro io li lascio fare cercando di semplificare loro la vita
25-5-2010 10:02

... come tutte le cose anche il PC deve essere preso a dosi sensate ... i nostri figli si troveranno a lavorare con lui ... quindi ... un aiutino ai genitori è meglio di niente .... io me la scarico ...
10-4-2010 18:55

Giusto, del resto sognare come vorremmo la nostra infanzia non è detto che la vogliano i nostri infanti, ma, per noi adulti è diventata una questione di sopravvivenza imparare questo fantastico strumento. Ciao Leggi tutto
10-4-2010 01:33

magari il mio punto di vista è campanilistico ma se guardiamo al mercato italiano sarebbe il caso di pensare ad una versione per nonni e non per bambini visto la quantità di adulti non alfabetizzati informaticamente. no? ciao u.
9-4-2010 19:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1432 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics