Italia, ultima chiamata per LTE

Le condizioni tecniche per sviluppare la banda larga mobile ci sono. L'Italia potrebbe partire avvantaggiata, se non fosse che...



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-06-2010]

Italia LTE Vodafone TIM GSA Evolution to LTE

È di qualche giorno fa la notizia che la Global Suppliers Association (o GSA, associazione che promuove gli standard di telefonia mobile GSM, 3G, WCDMA, HSPA e LTE) ha pubblicato il recente rapporto Evolution to LTE sul passaggio alle ultime tecnologie di comunicazione in mobilità, nel quale rivela che vi sono 110 operatori di 48 Paesi che stanno investendo nella creazione di reti LTE.

LTE, acronimo di Long Term Evolution, è la più recente evoluzione degli standard di telefonia mobile GSM/UMTS ed è chiamata anche Super 3G.

Long Term Evolution si propone quale nuova generazione dei sistemi di accesso mobile a banda larga, ponendosi in una posizione intermedia fra gli attuali standard 3G - come l'UMTS - e quelli di quarta generazione (4G) ancora in fase di sviluppo.

A differenza di HSPA e HSPA Evolution, che utilizza la stessa copertura della rete UMTS, nel caso di LTE è necessario predisporre una copertura radio dedicata, realizzando di fatto una nuova rete aggiuntiva a quella dell'UMTS o di qualsiasi altro sistema di accesso cellulare, come il GSM.

Fatta questa premessa, leggendo il rapporto scopriamo con sorpresa che nella lista dei Paesi interessati a questo tipo di tecnologia vi è anche l'Italia la quale, grazie alle timide sperimentazioni che Vodafone e Tim stanno conducendo, si pone tra gli Stati tecnologicamente all'avanguardia.

Il rapporto pubblicato da GSA mostra che 22 reti LTE entreranno in funzione quest'anno ed entro il 2012 il loro numero crescerà fino a 45. Svezia e Norvegia sono gli Stati che hanno aperto la strada, inaugurando le prime reti pubbliche aperte al servizio commerciale lo scorso dicembre.

Altri 30 progetti - attualmente nella fase pilota o di "prova sul campo" - vengono svolti in 15 Paesi.

Non vogliamo ora entrare nel merito della discussione sull'opportunità di investire in una tecnologia piuttosto che in un'altra; tuttavia appare paradossale come - essendo l'Italia il Paese con la maggior diffusione di apparati portatili per densità di abitanti - la nostra nazione non conduca la classifica di interesse per queste tecnologie.

La spiegazione di questo fenomeno sta nella scarsa consapevolezza, da parte del consumatore, delle potenzialità che apparati come gli smartphone offrono agli utenti.

Difficilmente, percorrendo la nostra penisola, si incontreranno utenti coscienti di avere in mano veri e propri gioielli tecnologici; piuttosto si troveranno persone che fanno della tecnologia uno status. La filosofia che d'altronde impera è quella che impone di possedere l'ultimo grido tecnologico per esporlo in società; se poi non si sa che cosa sia, poco male.

Diventa difficile, con queste premesse, pensare che le attuali aziende di comunicazione mobile investano ingenti risorse senza che vi sia una spinta dal basso.

All'ignoranza tecnologica che purtroppo dobbiamo riscontrare nel nostro Paese si aggiungono altri elementi negativi che "fanno da freno" allo sviluppo, quali un legislatore perennemente indeciso e un'Autorità Garante della Comunicazione che non osa esprimersi a viva voce.

Tuttavia è utopico pensare che chi la tecnologia non la usa ma ne è vittima possa intercedere per nostro conto. Se non vi è quindi una spinta al cambiamento che parta dal basso difficilmente vi saranno investitori disposti a rischiare in nuove promettenti ma non sicure tecnologie.

È un dato di fatto constatare come, proseguendo su questa strada e pur partendo dalla posizione attuale che ne fa una sorta di "Paese guida" per quanto riguarda la telefonia cellulare, l'Italia possa vedere nel proprio futuro soltanto un ruolo da inseguitrice.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Credo che la maggior parte degli acquirenti di smartphones in Italia li abbia scelti solo perchŔ pubblicizzati da Totti & Sig.ra :cry: Leggi tutto
15-6-2010 11:59

immagino che con il Super3G si dovranno rottamare i vari modem_chiavetta_USB, Ipad 3G, etc, giusto?
15-6-2010 11:38

{Pippo}
Verrebbe da chiedersi se si tratta davvero di ignoranza tecnologica o semplicemente il fatto che uno smartphone costa 400 euro. E poi, ci serve davvero tutta questa tecnologia tascabile per scrivere su facebook?
14-6-2010 11:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi i motori di ricerca soprattutto per approfondire quello che hai...
... letto sui social network
... sentito alla radio
... ricevuto sul cellulare (Sms/Mms)
... letto su giornali o riviste
... visto in Tv
... visto per strada
... passaparola

Mostra i risultati (1046 voti)
Giugno 2020
Windows 10, il nuovo Edge ha iniziato a rimpiazzare il vecchio
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Tutti gli Arretrati


web metrics