I CAPTCHA diventano animati

Addio, lettere distorte ma statiche: ora il testo diventa un video e mette fine alla minaccia degli spambot.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-07-2010]

NuCaptcha captcha animati video spambot

I Captcha - quei sistemi che si basano sull'identificazione di lettere scritte in maniera distorta per distinguere, durante le registrazioni, gli esseri umani dagli spambot - non sono perfetti: sistemi di riconoscimento dei caratteri (Ocr) sempre più sofisticati permettono di superarli e, qualora ciò non fosse sufficiente, c'è sempre la manovalanza.

Non sono certo una novità quelle organizzazioni che pagano persone disoccupate proprio per identificare i captcha laddove le macchine ancora falliscono; pare che ultimamente buona parte della manodopera provenga dall'India, e riceva qualcosa come 4 dollari al giorno.

A tutto ciò si oppone NuCaptcha, un sistema che invece di basarsi su immagini statiche si affida a dei video (visibili anche su piattaforme che non supportano Flash), in cui il testo non solo è distorto, ma si muove.

Certamente ciò non metterà in difficoltà gli esseri umani pagati una miseria per superare le protezioni, ma dovrebbe bloccare i sistemi automatici.

Secondo NuCaptcha questo sistema è inoltre più semplice di quello tradizionale, che in alcuni casi mette in difficoltà persino le persone: pare che i captcha siano responsabili di circa un quarto delle rinunce a registrarsi presso i vari servizi.

Inoltre un sistema di "intelligenza comportamentale" dovrebbe rendere ancora più difficile la vita agli Ocr che tentassero l'impresa di abbattere NuCaptcha che, per chi ha problemi alla vista, propone anche una soluzione basata sull'audio.

Per vedere un esempio di come funzioni questa tecnologia, è sufficiente visitare il sito ufficiale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (4040 voti)
Agosto 2022
L'email di phishing che arriva davvero da PayPal
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 agosto


web metrics