Cassazione: le molestie su Facebook sono stalking

Confermata la condanna di un giovane di Potenza che molestava l'ex fidanzata tramite il social network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-09-2010]

Stalking via Facebook Cassazione Lagonero Potenza

Non è necessaria una persecuzione "fisica" (per esempio attraverso un pedinamento) o attraverso telefonate e messaggi per meritarsi una condanna per stalking: anche Facebook rientra tra i mezzi attraverso i quali è possibile molestare qualcuno.

A deciderlo è la Corte di Cassazione, chiamata a giudicare il caso di Paolo D. (abitante in provincia di Potenza) il quale, non rassegnatosi alla fine della relazione con l'ex fidanzata, aveva iniziato a tempestare la bacheca di lei con messaggi e minacce, per poi arrivare a postare il video di un rapporto sessuale tra loro due.

La persecuzione aveva coinvolto anche il nuovo fidanzato della ragazza, diventato oggetto di minacce e destinatario di foto che ritraevano lo stalker in atteggiamenti intimi con l'ex ragazza. L'articolo continua sotto

Tutto ciò era sembrato sufficiente al Tribunale di Lagonero (in provincia di Potenza) per condannare il molestatore agli arresti domiciliari e ora la Cassazione ha confermato questa decisione, trovando che i messaggi costituissero comportamenti "minacciosi e molesti" e "gravi indizi di colpevolezza" tali da causare nella vittima "uno stato d'animo di profondo disagio e paura in conseguenza delle vessazioni patite".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Ma come fanno a provare in modo certo e valevole in tribunale che il tal utente in Facebook sia realmente la persona reale con lo stesso nome?
12-9-2010 12:36

{Roberto}
Stalker e poi??? Leggi tutto
8-9-2010 15:35

Beh, tutto sommato hai condensato in poche parole 'pepate' un concetto che condividiamo (credo) tutti noi. (pena di morte a parte, ovviamente) Altri, per arrivare alla tua conclusione, si sarebbero sperticati in sproloqui sociologici e filosofici lunghi 30 righe. Evviva la spontaneità! :wink: Leggi tutto
8-9-2010 08:30

{silvia}
mmm Scusate x il commento... non lo pubblicate ho esagerato ciao
7-9-2010 19:41

{silvia}
:-D ha ha ha... Ti sta bene STRONZO. Io aggiungerei la pena di morte per queste merde!!
7-9-2010 19:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi la funzione di salvataggio delle password nel browser?
Sì, è molto utile
Sì, ma ora non lo farò più perché non è sicuro.
Sì, ma solo per password di poco conto.
No, per sicurezza non ho mai memorizzato alcuna password nel browser.
No, perché? Le password si possono salvare?

Mostra i risultati (6013 voti)
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 gennaio


web metrics