Il primo iPhone nello spazio

Un pallone meteorologico, un iPhone e una videocamera per realizzare una sonda amatoriale. E registrare immagini della stratosfera.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-10-2010]

iPhone nello spazio Luke Geissbuhler Max video HD

In fondo, si tratta della variante di un passatempo antico: anziché far volare un aquilone Luke Geissbuhler e suo figlio Max, di sette anni, hanno deciso di far volare fin nello spazio un iPhone e una videocamera HD.

Allo scopo hanno utilizzato un pallone sonda, sapendo che dopo un certo tempo avrebbe ceduto e permesso, così, di recuperare l'attrezzatura.

L'idea di fondo prevedeva infatti di utilizzare la videocamera per effettuare delle riprese della stratosfera e il modulo GPS dell'iPhone per avere le coordinate necessarie al recupero: durante il "rientro" un paracadute avrebbe provveduto a evitare lo schianto della sonda amatoriale.

In questo modo i Geissbuhler sono riusciti a realizzare un filmato di circa 100 minuti, arrivando a un'altitudine massima di 35.700 metri.

I resti della missione sono stati recuperati a 30 miglia (poco meno di 50 Km) dal punto di partenza; l'individuazione è stata possibile non solo grazie al GPS ma anche tramite il LED dell'iPhone che, nella notte, ha guidato Luke Geissbuhler e suo figlio.

Il video qua sotto mostra il risultato del primo volo spaziale dell'iPhone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Non pensavo che i cellulari potessero resistere a temperature di -60/-40 gradi... Forse hanno utilizzato un'apposita telecamera ma quel è un cellulare...
19-10-2010 21:23

In effetti, io avrei avuto qualche timore...
19-10-2010 11:37

Ma un modulino gps non costava di meno? :lol: Lanciare un iPhone ed una videocamera nello spazio e sperare che nessun'altro li recuperi e se li ciuli...
19-10-2010 11:23

Complimenti vivissimi al babbo che ha coinvolto il figlio in un gioco molto istruttivo. ;-)
19-10-2010 10:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1222 voti)
Ottobre 2019
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Tutti gli Arretrati


web metrics