Duecentomila Sms al secondo? C'è chi li manda

I cellulari raggiungono il 90% della popolazione mondiale ma il Web stenta a crescere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-10-2010]

ITU 200.000 SMS al secondo

In tutto il mondo vengono inviati 200.000 messaggi Sms ogni secondo; ciò significherà che, soltanto nel 2010, verranno inviati 6,1 bilioni di messaggi (6,1x1012).

Sono questi i dati di un recente studio della International Telecommunications Union, che segnala come negli ultimi tre anni l'utilizzo dei messaggi di testo sia triplicato, grazie anche al fatto che ormai i sistemi di telefonia mobile sono disponibili al 90% della popolazione.

Sempre l'ITU stima che al 31 dicembre ci saranno 5,3 miliardi di abbonamenti a reti cellulari attivi, con una media - nelle nazioni sviluppate - di 116 abbonamenti ogni 100 abitanti.

Se cresce l'uso delle reti e dei mezzi di comunicazione mobili, altrettanto si può dire del Web, seppure con una maggiore differenza tra le nazioni sviluppate e quelle in via di sviluppo.

Se più di 2 miliardi di persone nel mondo utilizzeranno Internet abitualmente entro la fine dell'anno (alla fine del 2009 la cifra era di 1,4 miliardi), solo il 21% delle persone avrà alla Rete nei Paesi in via di sviluppo, mentre in Europa si parlerà del 65% e in America del 55%.

I costi e la scarsa diffusione della banda larga sono i motivi che frenano l'accesso al Web negli Stati meno avanzati: il prezzo medio in quei Paesi per una connessione ADSL è di 190 dollari al mese; il continente con i prezzi più alti è l'Africa.

Lo studio dell'ITU mostra che, sebbene sia il Web che la connettività mobile stiano continuando a espandersi a un ritmo elevato, ci sono ancora delle grandi disparità tra le zone del mondo che frenano la possibilità, per certe popolazione, di accedere alle risorse e alle conoscenze di cui la Rete dispone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1953 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics