Il robottino che risolve il cubo di Rubik in 12 secondi

Un robot fatto di mattoncini Lego e guidato da uno smartphone Android può risolvere qualsiasi cubo di Rubik, indipendentemente dalle dimensioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-11-2010]

Gilday smartphone LEGO risolve cubo Rubik Android

David Gilday è Principal Engineer presso Arm, l'azienda che produce i processori che attualmente si trovano in pressoché tutti gli smartphone, per non parlare dei tablet o dei set-top box.

Gilday è anche un fan dei mattoncini Lego; unendo questa passione alle proprie conoscenze ha creato con i pezzi del set Mindstorms un robot guidato da uno smartphone Htc Nexus One con Android 2.1 in grado di risolvere un cubo di Rubik in 12,5 secondi e che mediamente impiega 15 secondi.

Il risultato conseguito dalla creazione dell'ingegnere di Arm - e mostrato alla Technology Conference dell'azienda - è il record attuale, che batte quello precedente (25 secondi) conseguito con un Nokia N95 del 2006.

Il miglioramento è dovuto non solo all'hardware migliore a disposizione ma anche a un algoritmo di risoluzione più efficiente.

Gilday si è tanto appassionato alla questione da essere riuscito, spinto dalle persone che gli chiedevano se il suo robot fosse in grado di risolvere cubi più grandi rispetto al tradizionale 3x3x3, a creare un dispositivo che risolve anche cubi 100x100x100.

Dopo aver realizzato un algoritmo generico, che in teoria consente di risolvere cubi di qualsiasi dimensione, ha progettato e costruito un nuovo robot adatto a cubi 7x7x7, utilizzando sempre con mattoncini Lego ma impiegando un Motorola Droid come "cervello".

Per venire a capo di questa sfida il robot ha impiegato una quarantina di minuti e compiuto circa 500 mosse.

È interessante notare come la scelta di utilizzare il popolare gioco danese, per quanto affascinante e divertente, limiti la velocità di esecuzione dell'algoritmo: il robot riesce a compiere solo 1,5 mosse al secondo, mentre un essere umano arriva a 5/6 mosse al secondo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Un doodle per i 40 anni del cubo di Rubik
Il robot che risolve il cubo di Rubik in 3 secondi
I mattoncini Lego fatti in casa con la stampante 3D

Commenti all'articolo (2)

E' il primo cubo al mondo che va in ascensore senza essere... accompagnato. :x
30-11-2010 07:54

nel cubo classico, in pratica prima mappa la posizione iniziale del cubo, quindi l'algoritmo fa i calcoli trovando "la strada" da percorrere e poi il robot inizia a fare in sequenza tutte le mosse...la parte più lenta in fondo è proprio quella dei movimenti... ps: carina la fanciulla :wink:
29-11-2010 20:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1711 voti)
Luglio 2020
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Tutti gli Arretrati


web metrics