Un virus cinese all'attacco di Android

Un malware sofisticato è in grado di controllare completamente gli smartphone inviando i dati personali a server appositamente attrezzati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-01-2011]

Android Geinimi virus cinese

Si chiama Geinimi e sarebbe in grado di leggere e trasmettere ai suoi ideatori molti dati personali degli utenti dei telefonini di ultima generazione, a cominciare dalle applicazioni installate per finire con i codici IMEI passando - sembra - anche per la localizzazione GPS.

Non corrompe tutti i sistemi operativi, almeno per ora: il campo di azione sarebbe ristretto al solo Android in particolare tramite software che si spacciano per i giochi accessibili dall'Android Market e che si diffonde scaricando applicativi da siti non ufficiali.

Il malware, identificato da Mylookout, sarebbe anche in grado di attivare eseguibili in modo incontrollabile da parte del legittimo possessore e in sostanza di ottenere il controllo dell'hardware su cui è installato.

Mylookout sottolinea che il virus, peraltro estremamente sofisticato, al momento sembra attaccare gli utenti che scaricano applicazioni di Android da server cinesi, anche se non è in grado di specificare la dislocazione dei server che invece accolgono i dati sottratti.

Tuttavia la minaccia sembra importante, specie in considerazione del fatto che ormai con gli smartphone non solo si naviga in Internet e si consulta la posta elettronica ma si fa di tutto e di più, dalle operazioni in home banking all'apertura della serratura elettronica di casa, mentre quasi non esistono o spesso non sono presi in considerazione antivirus o firewall specifici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Un virus cinese se scarichi male ! Leggi tutto
13-1-2011 20:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto spesso utilizzi un Pc o un dispositivo mobile mentre guardi la Tv?
Sempre
Spesso
A volte
Raramente
Mai
Non guardo la Tv.

Mostra i risultati (3245 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics